Archeologia del Libro manoscritto - 2018-2019 - Modulo A - Laurea a Ciclo unico

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenze base di storia medievale. 

Obiettivi: 

Si prevede che lo studente conosca e sappia descrivere i principali passaggi nella storia della produzione manoscritta occidentale.Risultati di apprendimento appresi: Coerentemente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio erogante previsti dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c), l'attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente le seguenti conoscenze:

  • conoscenza e capacità di comprensione dei principali luoghi e processi di produzione e conservazione di fonti scritte dall’antichità alla fine del Medioevo;
  • capacità di applicare conoscenza e comprensione alla valutazione – almeno basilare – in diacronia delle caratteristiche materiali del libro manoscritto e dei problemi connessi alla sua catalogazione e conservazione;
  • autonomia di giudizio critico relativo a quanto discusso in classe e derivato dalla bibliografia;
  • abilità comunicative nella capacità di riferire correttamente quanto imparato;
  • capacità di apprendimento ottenuta attraverso gli strumenti critici e didattici forniti.
Programma: 

Il libro manoscritto latino: storia, tecniche di produzione, materialiIl corso si propone di presentare una sintesi della storia del libro manoscritto latino indagato attraverso i materiali e gli strumenti utilizzati, i luoghi e le tecniche di produzione, i problemi connessi con la sua descrizione. Esso sarà articolato in tre momenti: 1. Le forme del libro nel tempo (il libro tardoantico, altomedievale, bassomedivale, umanistico); 2. Cenni di storia della catalogazione; 3. La scheda di descrizione come strumento per la conoscenza delle fasi di produzione del libro manoscritto. La frequenza è vivamente consigliata. Lezioni frontali; visite in biblioteca. Esame orale (ca. 20 minuti). Agli studenti verrà richiesto di discutere la bibliografia e il contenuto del corso. Particolare importanza avrà: l’abilità nel discutere i contenuti del corso; la capacità nel connettere le varie informazioni derivanti dalle lezioni e dalle letture d’esame; la qualità espressiva; la conoscenza del linguaggio tecnico codicologico.

Testi adottati: 
  1. M. Cursi, Le forme del libro. Dalla tavoletta cerata all’e-book, Bologna, Il Mulino, 2016.
  2. A. Petrucci, La concezione cristiana del libro fra VI e VII secolo, «Studi Medievali», s. III, XIV (1973), pp. 961-984 (rist. anche in: Libri e lettori nel Medioevo. Guida storica e critica, a cura di G. Cavallo, Bari, Laterza, 1977, pp. 3-26 e 233-238 e in: Scrivere e leggere nell’Italia medievale, a cura di C.M. Radding, Milano, Bonnard, 2007, pp. 43-63).
  3. M. Palma, Classico, piccolo e quadrato. Dati per un'indagine su una tipologia libraria nell'Europa carolingia, in Filologia classica e filologia romanza: esperienze ecdotiche a confronto. Atti del Convegno (Roma, 25-27 maggio 1995), a cura di A. Ferrari, Spoleto, CISAM, 1998, pp. 399-408.
  4. E. Casamassima, Note sul metodo di descrizione dei codici, in «Rassegna degli Archivi di Stato», 23 (1963), pp. 191-205.
  5. M. Palma, La catalogazione dei manoscritti in Italia, in «Segno e testo», 1 (2003), pp. 333-351.
  6. T. De Robertis, Codicologia, in Biblioteconomia. Guida classificata, a cura di M. Guerrini, Milano, Editrice Bibliografica, 2007, pp. 819-821 [http://www.ductus.it/index.php/archives/biblioteca/voci-di-enciclopedia/de-robertis-teresa-codicologia/].
  7. G. Bozzacchi – M. Palma, La formazione del fascicolo nel codice altomedievale italiano. Ipotesi e verifiche sperimentali, in «Scrittura e Civiltà», IX (1985), pp. 325-335.
  8. M. Palma, Modifiche di alcuni aspetti materiali della produzione libraria latina nei secoli XII e XIII, in «Scrittura e Civiltà», XII (1988), pp. 119-133.
  9. V. Pace, Miniatura e decorazione dei manoscritti, in Guida a una descrizione uniforme dei manoscritti e al loro censimento, a cura di V. Jemolo e M. Morelli, Roma, ICCU, 1990, pp. 93-102.
Inglese
Prerequisites: 

Basic knowledge in Medieval history.

Aims: 

Educational objectives: Students should become acquainted with the most important transitions in medieval book history.Expected results:In line with the educational objectives as stated in the Study Program (SUA-CdS, sections A.4.b.2, A.4.c), the training activity aims to provide the student with the following knowledge and skills:

  • Knowledge and understanding of the process of manuscript production and preservation of manuscript books from Antiquity to the end of the Middle Ages.
  • Applying knowledge and understanding to a basic evaluation, on chronological grounds, of the techniques and material aspects of producing, cataloguing and preserving manuscript books; 
  • Making judgements in autonomy with reference to what is discussed in class and learned from bibliography;
  • Communication skills to be able to refer correctly the palaeographic informations learned;
  • Learning skills achieved through the critic and didactic tools provided in class.
Programme: 

Latin Manuscript Books: History, Techniques, MaterialsThe course aims at introducing students to the history of the manuscript book in the Latin tradition through the study of the materials and the tools used, the techniques and the main centres of production as well as the scientific problems linked to its description. Three general subjects will be discussed: 1. Book forms over time (late Antiquity, Early and Late Middle Ages, Renaissance); 2. History of cataloguing; 3. Manuscript description and its rules as a means towards the understanding of the different phases of book production. Regular attendance is strongly reccommended. Lectures; visits to roman historic libraries. Oral exam (approx. 20 minutes). Students will be required to discuss the bibliography and the contents of the course. Markers will assess: the ability to discuss the contents of the course; the capacity in connecting all the informations coming from the lectures and from the exam texts; the standard of verbal expression; the correct use of the specialist codicological language.

Texts adopted: 
  1. M. Cursi, Le forme del libro. Dalla tavoletta cerata all’e-book, Bologna, Il Mulino, 2016.
  2. A. Petrucci, La concezione cristiana del libro fra VI e VII secolo, «Studi Medievali», s. III, XIV (1973), pp. 961-984 (rist. anche in: Libri e lettori nel Medioevo. Guida storica e critica, a cura di G. Cavallo, Bari, Laterza, 1977, pp. 3-26 e 233-238 e in: Scrivere e leggere nell’Italia medievale, a cura di C.M. Radding, Milano, Bonnard, 2007, pp. 43-63).
  3. M. Palma, Classico, piccolo e quadrato. Dati per un'indagine su una tipologia libraria nell'Europa carolingia, in Filologia classica e filologia romanza: esperienze ecdotiche a confronto. Atti del Convegno (Roma, 25-27 maggio 1995), a cura di A. Ferrari, Spoleto, CISAM, 1998, pp. 399-408.
  4. E. Casamassima, Note sul metodo di descrizione dei codici, in «Rassegna degli Archivi di Stato», 23 (1963), pp. 191-205.
  5. M. Palma, La catalogazione dei manoscritti in Italia, in «Segno e testo», 1 (2003), pp. 333-351.
  6. T. De Robertis, Codicologia, in Biblioteconomia. Guida classificata, a cura di M. Guerrini, Milano, Editrice Bibliografica, 2007, pp. 819-821 [http://www.ductus.it/index.php/archives/biblioteca/voci-di-enciclopedia/de-robertis-teresa-codicologia/].
  7. G. Bozzacchi – M. Palma, La formazione del fascicolo nel codice altomedievale italiano. Ipotesi e verifiche sperimentali, in «Scrittura e Civiltà», IX (1985), pp. 325-335.
  8. M. Palma, Modifiche di alcuni aspetti materiali della produzione libraria latina nei secoli XII e XIII, in «Scrittura e Civiltà», XII (1988), pp. 119-133.
  9. V. Pace, Miniatura e decorazione dei manoscritti, in Guida a una descrizione uniforme dei manoscritti e al loro censimento, a cura di V. Jemolo e M. Morelli, Roma, ICCU, 1990, pp. 93-102.
Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova orale
Allegati: 
Anno Accademico: 
2018-2019
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Primo semestre