Cinema e turismo - 2018-2019 - Laurea triennale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Capacità di analisi di film e documentari e di archivi cinematografici. Capacità di elaborazione di pensiero critico.  

Obiettivi: 

Gli "Obiettivi formativi" sono quelli di fornire allo studente le conoscenze e abilità previste dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c)”. "Risultati di apprendimento attesi"Coerentemente con gli obiettivi formativi sopra specificati e con quelli più generali propridel Corso di Studio, l'attività formativa di questo modulo si propone di fornire allostudente le conoscenze e abilità (Conoscenza e capacità dicomprensione; Capacità di applicare conoscenza e comprensione;Autonomia di giudizio; Abilità comunicative; Capacità di apprendere)previste dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c)”.

Programma: 

Il modulo è dedicato ai rapporti fra il cinema e Roma, nella storia del cinema italiano. La Capitale è fra le citta più “filmate” e questo splendido “sfondo” è servito da fondale di scena per pellicole che vanno dal cinema degli esordi fino ad oggi.  Il metodo didattico è quello delle lezioni frontali, a cui potranno unirsi incontri con esperti del settore ed eventuali visite guidate sui “luoghi” del cinema romano. Il metodo di verifica dei risultati di apprendimento è un Esame orale che consiste in colloquio della durata di circa 30 minuti sui contenuti del programma. Verranno valutate: la qualità dell'espressione orale, la capacità di analisi critica, la conoscenza dei contenuti previsti dal programma. Criteri di verifica e soglie di valutazione:30 e lode: prova eccellente, sia nelle conoscenze che nell'articolazione critica ed espressiva.30: prova ottima, conoscenze complete, ben articolate ed espresse correttamente, con alcuni spunti critici.27-29: prova buona, conoscenze esaurienti e soddisfacenti, espressione sostanzialmente corretta.24-26: prova discreta, conoscenze presenti nei punti sostanziali, ma non esaurienti e non sempre articolate con correttezza.21-23: prova sufficiente, conoscenze presenti in modo talvolta superficiale, ma il filo conduttore generale risulta compreso. Espressione e articolazione lacunose e spesso non appropriate.18-21: prova appena sufficiente, conoscenze presenti ma superficiali, il filo conduttore non è compreso con continuità. L'espressione e l'articolazione del discorso presentano lacune anche rilevanti.<18: prova insufficiente, conoscenze assenti o molto lacunose, mancanza di orientamento nella disciplina, espressione carente e inappropriata. Esame non superato. Durante lo svolgimento della prova non è ammesso l'utilizzo di alcun supporto, cartaceo (libri, appunti, ecc.) o elettronico.Casi particolari (studenti stranieri): è consentito sostituire la prova scritta con una tesina di circa 3000 parole il cui argomento deve essere concordato con il docente.Il metodo di verifica dei risultati di apprendimento è un Esame orale che consiste in colloquio della durata di circa 30 minuti sui contenuti del programma. Verranno valutate: la qualità dell'espressione orale, la capacità di analisi critica, la conoscenza dei contenuti previsti dal programma. Criteri di verifica e soglie di valutazione:30 e lode: prova eccellente, sia nelle conoscenze che nell'articolazione critica ed espressiva.30: prova ottima, conoscenze complete, ben articolate ed espresse correttamente, con alcuni spunti critici.27-29: prova buona, conoscenze esaurienti e soddisfacenti, espressione sostanzialmente corretta.24-26: prova discreta, conoscenze presenti nei punti sostanziali, ma non esaurienti e non sempre articolate con correttezza.21-23: prova sufficiente, conoscenze presenti in modo talvolta superficiale, ma il filo conduttore generale risulta compreso. Espressione e articolazione lacunose e spesso non appropriate.18-21: prova appena sufficiente, conoscenze presenti ma superficiali, il filo conduttore non è compreso con continuità. L'espressione e l'articolazione del discorso presentano lacune anche rilevanti.<18: prova insufficiente, conoscenze assenti o molto lacunose, mancanza di orientamento nella disciplina, espressione carente e inappropriata. Esame non superato. Durante lo svolgimento della prova non è ammesso l'utilizzo di alcun supporto, cartaceo (libri, appunti, ecc.) o elettronico.  Casi particolari (studenti stranieri): è consentito sostituire la prova scritta con una tesina di circa 3000 parole il cui argomento deve essere concordato con il docente. 

Testi adottati: 

Un manuale di Storia del cinema italiano fra i seguenti: Gian Piero Brunetta, Guida alla storia del cinema italiano (1905-2003), Cambridge University Press; Paolo Russo, Breve storia del cinema italiano, Lindau; Mino Argentieri, Storia del cinema italiano, Newton & Compton; Carlo Lizzani, Storia del cinema italiano, Editori Riuniti; Carlo Lizzani, Cinema italiano: dalle origini agli anni Ottanta di Roma, Editori Riuniti; In alternativa, solo per gli studenti Erasmus: Mario Verdone, Storia del cinema italiano, Newton & Compton.Inoltre tre volumi fra i seguenti: Antonio Costa, Il cinema italiano. Generi, figure, film del passato e del presente, Il Mulino; Fabrizio Natalini, Ennio Flaiano. Una vita nel cinema, Artemide; Fabrizio Natalini, “Un amore a Roma” dal romanzo al film, Artemide; Mauro D’Avino, Lorenzo Rumori, Roma, si gira! Gli scorci ritrovati del cinema di ieri, Gremese; Mauro D’Avino, Lorenzo Rumori, Roma, si gira!2 Gli scorci ritrovati del cinema di ieri, Gremese, Mauro D’Avino, Lorenzo Rumori, Dario Argento, si gira, Gremese; Giovanna Dubbini, Daniela Narici, Roma Movie Walks, Gremese, Marco Cucco, Giuseppe Richeri, Il mercato delle location cinematografiche, Marsilio; Maurizio Zignale, Cineturismo. Viaggio tra location e set cinematografici, CUECM; Risate all'italiana, a cura di Giovanni Spagnoletti e Antonio Spera, Universitalia; Antonio Costa, Saper vedere il cinema, Bompiani; Flaminio Di Biagi, Il cinema a Roma: guida alla storia e ai luoghi del cinema nella capitale, Palombi (in corso di ristampa); Flaminio Di Biagi, La Roma di Fellini, Le Mani Microart’s; Federico Fellini, Fare un film, Einaudi; Federico Fellini, Intervista sul cinema, Laterza; Oscar Iarussi, C’era una volta il futuro. L’Italia della Dolce Vita, Il Mulino; Stefania Parigi, Neorealismo. Il nuovo cinema del dopoguerra, Marsilio; Antonio Costa, Federico Fellini «La dolce vita», Lindau; Tullio Kezich, Su La dolce vita con Federico Fellini, qualsiasi edizione (Cappelli, Marsilio, BUR); Edoardo Zaccagnini, I mostri al lavoro, Hoepli; Mariapia Comand, Commedia all’italiana, Il castoro; Barbara Corsi, Produzione e produttori, Il castoro; Emiliano Morreale, Cinema d’autore degli anni Sessanta, Il castoro; Lino Miccichè, Pasolini nella città del cinema, Marsilio; Lino Miccichè, Patrie visioni, Marsilio Lucia Cardone, Il melodramma, Il castoro; Oscar Iarussi, Andare per I luoghi del cinema, Il Mulino; Giuseppe Sansonna, Hollywood sul Tevere. Storie scellerate, Minimum Fax; Enrico Giacovelli, C'era una volta la Commedia all'italiana, Gremese.  

Inglese
Prerequisites: 

Ability to analyze films and documentaries and film archives. Capacity of processing of Critical Thinking.

Aims: 

The "Educational objectives” are to provide the student with the knowledge and skills required by the SUA-CdS card (frameworks A.4.b.2, A.4.c) ". Expected results:"In line with the educational objectives of the Study Program stated in the SUA-CdS (sections A.4.b.2, A.4.c), the training activity aims to provide the student with the following knowledge and skills:Knowledge and ability of comprehension; Ability to apply knowledge and understanding;Autonomy of judgment; Communication skills; Ability to learn.

Programme: 

The module is dedicated to the relationship between cinema and Rome, in the history of Italian cinema. The Capital is among the "filmed" city and this splendid "background" has served as a stage backdrop for films ranging from the cinema of the beginning to today. The teaching method is that of the lectures, which will be joined by meetings with experts in the field and possible guided tours on the "places" of the Roman cinema.Methods and criteria for verification of learning outcomesThe method for verifying the learning outcomes is an oral exam consisting of an interview lasting about 30 minutes on the contents of the program. The following will be evaluated: the quality of the oral expression, the capacity for critical analysis, the knowledge of the contents of the program. Grade assessment criteriaGrade range below 18 – Fail. Poor knowledge of core material, a significant inability to engage with the discipline. Very poor presentation.Grade range 18-21 – Pass. Limited and superficial knowledge of the subject, a significant inability to follow the thread of the discussion. Presentation with many inadequacies.Grade range 21-23 – Adequate. The knowledge is superficial, but the thread of the discussion has been consistently grasped. Presentation with some inadequacies.Grade range 24-26 – Acceptable. Elementary knowledge of the key principles and concepts. The presentation is occasionally weak.Grade range 27-29 – Good. Comprehensive knowledge. Good presentation.30 – Very Good. Detailed knowledge with hints of critical thinking. Very good presentation.30 cum laude – Outstanding. Excellent knowledge and depth of understanding. Excellent presentation. During the exam you will not be allowed to use any written material, either on paper or in electronic format.  In some cases (for instance: non-native speakers of Italian), students might be allowed to substitute the written exam with a 3,000-word essay, whose topic must be agreed in advance with the lecturer.

Texts adopted: 

A manual of History of Italian Cinema from the following: Gian Piero Brunetta, Guida alla storia del cinema italiano (1905-2003), Cambridge University Press; Paolo Russo, Breve storia del cinema italiano, Lindau; Mino Argentieri, Storia del cinema italiano, Newton & Compton; Carlo Lizzani, Storia del cinema italiano, Editori Riuniti; Carlo Lizzani, Cinema italiano: dalle origini agli anni Ottanta di Roma, Editori Riuniti; Alternatively, only for Erasmus students: Mario Verdone, Storia del cinema italiano, Newton & Compton. In addition, three volumes of the following:Antonio Costa, Il cinema italiano. Generi, figure, film del passato e del presente, Il Mulino; Fabrizio Natalini, Ennio Flaiano. Una vita nel cinema, Artemide; Fabrizio Natalini, “Un amore a Roma” dal romanzo al film, Artemide; Mauro D’Avino, Lorenzo Rumori, Roma, si gira! Gli scorci ritrovati del cinema di ieri, Gremese; Mauro D’Avino, Lorenzo Rumori, Roma, si gira!2 Gli scorci ritrovati del cinema di ieri, Gremese, Mauro D’Avino, Lorenzo Rumori, Dario Argento, si gira, Gremese; Giovanna Dubbini, Daniela Narici, Roma Movie Walks, Gremese, Marco Cucco, Giuseppe Richeri, Il mercato delle location cinematografiche, Marsilio; Maurizio Zignale, Cineturismo. Viaggio tra location e set cinematografici, CUECM; Risate all'italiana, a cura di Giovanni Spagnoletti e Antonio Spera, Universitalia; Antonio Costa, Saper vedere il cinema, Bompiani; Flaminio Di Biagi, Il cinema a Roma: guida alla storia e ai luoghi del cinema nella capitale, Palombi (in corso di ristampa); Flaminio Di Biagi, La Roma di Fellini, Le Mani Microart’s; Federico Fellini, Fare un film, Einaudi; Federico Fellini, Intervista sul cinema, Laterza; Oscar Iarussi, C’era una volta il futuro. L’Italia della Dolce Vita, Il Mulino; Stefania Parigi, Neorealismo. Il nuovo cinema del dopoguerra, Marsilio; Antonio Costa, Federico Fellini «La dolce vita», Lindau; Tullio Kezich, Su La dolce vita con Federico Fellini, qualsiasi edizione (Cappelli, Marsilio, BUR); Edoardo Zaccagnini, I mostri al lavoro, Hoepli; Mariapia Comand, Commedia all’italiana, Il castoro; Barbara Corsi, Produzione e produttori, Il castoro; Emiliano Morreale, Cinema d’autore degli anni Sessanta, Il castoro; Lino Miccichè, Pasolini nella città del cinema, Marsilio; Lino Miccichè, Patrie visioni, Marsilio Lucia Cardone, Il melodramma, Il castoro; Oscar Iarussi, Andare per I luoghi del cinema, Il Mulino; Giuseppe Sansonna, Hollywood sul Tevere. Storie scellerate, Minimum Fax; Enrico Giacovelli, C'era una volta la Commedia all'italiana, Gremese. 

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova orale
Anno Accademico: 
2018-2019
Carico didattico a: 
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Primo semestre