Diplomatica - 2018-2019 - Modulo A+B - Laurea a Ciclo unico

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Nessun prerequisito, tuttavia è auspicabile una conoscenza di base del latino

Obiettivi: 

Risultati di apprendimento attesi: Coerentemente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio erogante previsti dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c), l'attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente le seguenti conoscenze e abilità: - Conoscenza  e capacità di comprensione: conoscenza dello svolgimento del fenomeno storico della documentazione scritta medievale e capacità di comprensione della stessa e delle sue peculiari forme esterne e interne; - Capacità di applicare conoscenza e comprensione: capacità di apprendimento dei fenomeni storici e delle trasformazioni che le scritture documentarie hanno subito nel corso del medioevo nonché di applicare le conoscenze acquisite per contestualizzare i documenti scritti e riconoscerne provenienza e finalità. Al termine del corso inoltre lo studente dovrà aver acquisito la capacità di comprendere e studiare autonomamente e criticamente i documenti e di analizzare un tema specifico di diplomatica speciale sulla base della documentazione e del dibattito storiografico più recente;- Autonomia di giudizio: senso critico e autonomia di giudizio nel valutare le forme originarie di un manufatto documentario di età medievale e i processi documentari; - Abilità comunicative: abilità di comunicare in forma orale e scritta le peculiarità di un documento medievale o di un fenomeno connesso alle pratiche di produzione documentaria, applicando in autonomia la metodologia appresa.

Programma: 

Modulo A: Istituzioni di diplomatica e storia della documentazione scritta nell’Occidente latino medievale.Modulo B: Il corso sarà dedicato alla città di Roma, della quale si analizzerà il sistema documentario nel suo complesso a partire dall’età tardoantica fino al XIII secolo, inserendolo nei diversi contesti storico, economico, politico e sociale.  

Testi adottati: 

Modulo A:- Alessandro Pratesi, Genesi e forme del documento medievale, Roma, Jouvence 1987-ARMANDO PETRUCCI, Fra conservazione ed oblio: segni, tipi e modi della memoria scritta. Per i 120 anni dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (Roma, 27 giugno 2003), in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medio evo, 106/1, 2004, pp. 75-92 http://www.let.unicas.it/links/didattica/palma/paldimat.html- CRISTINA CARBONETTI VENDITTELLI, I supporti scrittorii della documentazione: l’uso del papiro, in Jean-Marie Martin, Annick Peters-Custot, Vivien Prigent (dir.), L’héritage byzantin en Italie (VIIIe-XIIe siècle). I. La fabrique documentaire, Roma 2011, pp. 33-48.Riproduzioni e materiali di approfondimento saranno inoltre distribuiti durante il corso. Modulo B:Cristina Carbonetti Vendittelli, Sandro Carocci, Alessandra Molinari, Roma, Fondazione Centro italiano di Studi sull’alto medioevo, Spoleto 2017 (Il medioevo nelle città italiane, 13), II parte “Le fonti scritte”, pp. 79-133.Cristina Carbonetti Vendittelli, Il sistema documentario romano tra VII e XI secolo: prassi, forme, tipologia della documentazione privata, in Jean-Marie Martin, Annick Peters-Custot, Vivien Prigent (dir.), L’héritage byzantin en Italie (VIIIe-XIIe siècle). I. La fabrique documentaire, Roma 2011, pp. 87-115Cristina Carbonetti Vendittelli, “Sicut inveni in thomo carticineo iam ex magna parte vetustate consumpto exemplavi et scripsi atque a tenebris ad lucem perduxi”. Condizionamenti materiali e trasmissione documentaria a Roma nell’alto medioevo, in Scritti in memoria di Roberto Pretagostini, a cura di C. Braidotti, E. Dettori, E. Lanzillotta, 2 voll., Roma 2009, I, pp. 47-69Cristina Carbonetti Vendittelli, Gli «scriptores chartarum» a Roma nell’Altomedioevo, in Notariado pùblico y documento privado: de los orígenes al siglo XIV, Actas del VII Congreso Internacional de Diplomática, Valencia, 6-12 ottobre 1986, 2 voll., Va­lencia 1989, II, pp. 1109-1137. Cristina Carbonetti Vendittelli, Documentazione scritta e preminenza sociale, in La nobiltà romana nel medioevo, Atti del convegno internazionale, Roma, 20-22 novembre 2003, Roma 2006, pp. 323-343Cristina Carbonetti Vendittelli, Le scritture del Comune di Roma nei secoli XII e XIII, in Roma e il suo territorio nel Medioevo. Le fonti scritte fra tradizione e innovazione. Atti del Convegno internazionale di studio dell’Associazione italiana dei Paleografi e Diplomatisti (Roma, 25-29 settembre 2012), a cura di C. Carbonetti - S. Lucà - M. Signorini, Spoleto, CISAM,  2015 (Studi e Ricerche, 6), pp. 293-342Riproduzioni e materiali di approfondimento saranno inoltre distribuiti durante il corso.  

Inglese
Prerequisites: 

No pre-requisites, however a basic knowledge of Latin is desirable

Aims: 

Educational objectives: Knowledge of written records of the Middle Ages and their forms, as well as of the history of medieval documentation and of the processes of production, conservation and transmission of documentary sources.Expected results: In line with the educational objectives of the Study Program stated in the SUA-CdS (sections A.4.b.2, A.4.c), the training activity aims to provide the student with the following knowledge and skills:

  • Knowledge and understanding:  Knowledge of the development of the historical phenomenon of medieval written documentus and ability to understand them and their peculiar external and internal forms;
  • Applying knowledge and understanding: ability to learn the historical phenomena and transformations that the documentary writings have undergone during the Middle Ages and to apply the acquired knowledge to contextualize the written documents and recognize their origin and purpose; ability to understand and study the documents autonomously and critically and to analyze a specific diplomatic case-study on the basis of the documentation and of the most recent historiographic and debate;
  • Making judgements: critical sense and autonomy in evaluating the original forms of a medieval document and documentary phenomena
  • ability to communicate the peculiarities of a medieval document in oral and written form, applying autonomously the methodology learned.
Programme: 

A: Institutes in Diplomatics and history of medieval documentation in medieval Latin West.B: The course will be devoted to the city of Rome and to its documentary system from Late Antiquity until the thirteenth century, inserting it into different historical, economic, political and social contexts.

Texts adopted: 

A:- Alessandro Pratesi, Genesi e forme del documento medievale, Roma, Jouvence 1987-ARMANDO PETRUCCI, Fra conservazione ed oblio: segni, tipi e modi della memoria scritta. Per i 120 anni dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (Roma, 27 giugno 2003), in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medio evo, 106/1, 2004, pp. 75-92 http://www.let.unicas.it/links/didattica/palma/paldimat.html- CRISTINA CARBONETTI VENDITTELLI, I supporti scrittorii della documentazione: l’uso del papiro, in Jean-Marie Martin, Annick Peters-Custot, Vivien Prigent (dir.), L’héritage byzantin en Italie (VIIIe-XIIe siècle). I. La fabrique documentaire, Roma 2011, pp. 33-48.Reproductions and additional materials will also be distributed during the course. B:Cristina Carbonetti Vendittelli, Sandro Carocci, Alessandra Molinari, Roma, Fondazione Centro italiano di Studi sull’alto medioevo, Spoleto 2017 (Il medioevo nelle città italiane, 13), II parte “Le fonti scritte”, pp. 79-133.Cristina Carbonetti Vendittelli, Il sistema documentario romano tra VII e XI secolo: prassi, forme, tipologia della documentazione privata, in Jean-Marie Martin, Annick Peters-Custot, Vivien Prigent (dir.), L’héritage byzantin en Italie (VIIIe-XIIe siècle). I. La fabrique documentaire, Roma 2011, pp. 87-115Cristina Carbonetti Vendittelli, “Sicut inveni in thomo carticineo iam ex magna parte vetustate consumpto exemplavi et scripsi atque a tenebris ad lucem perduxi”. Condizionamenti materiali e trasmissione documentaria a Roma nell’alto medioevo, in Scritti in memoria di Roberto Pretagostini, a cura di C. Braidotti, E. Dettori, E. Lanzillotta, 2 voll., Roma 2009, I, pp. 47-69Cristina Carbonetti Vendittelli, Gli «scriptores chartarum» a Roma nell’Altomedioevo, in Notariado pùblico y documento privado: de los orígenes al siglo XIV, Actas del VII Congreso Internacional de Diplomática, Valencia, 6-12 ottobre 1986, 2 voll., Va­lencia 1989, II, pp. 1109-1137. Cristina Carbonetti Vendittelli, Documentazione scritta e preminenza sociale, in La nobiltà romana nel medioevo, Atti del convegno internazionale, Roma, 20-22 novembre 2003, Roma 2006, pp. 323-343Cristina Carbonetti Vendittelli, Le scritture del Comune di Roma nei secoli XII e XIII, in Roma e il suo territorio nel Medioevo. Le fonti scritte fra tradizione e innovazione. Atti del Convegno internazionale di studio dell’Associazione italiana dei Paleografi e Diplomatisti (Roma, 25-29 settembre 2012), a cura di C. Carbonetti - S. Lucà - M. Signorini, Spoleto, CISAM,  2015 (Studi e Ricerche, 6), pp. 293-342Reproductions and additional materials will also be distributed during the course.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova orale
Altre informazioni

Nel corso delle lezioni verranno consigliati letture e approfondimenti che potranno sostituire i testi. Si farà sempre riferimento a questo sito e al sito Didattica web per comunicazioni (anche dell'ultima ora), file di testo o di tavole di lettura, planning del corso e quant'altro.Metodi didattici: lezioni frontali, lezioni pratiche in aula di lettura e analisi di testi, ricerche di materiali on-line, utilizzo di power point per testi e immagini.Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento: -Metodi di verifica. Due prove scritte in itinere (durata complessiva 3 ore) per valutare l’acquisizione della terminologia diplomatistica, nonché la correttezza sintattica e grammaticale; esame orale finale consistente in un colloquio della durata di circa 30 minuti per valutare la conoscenza dei contenuti del programma e la qualità dell’espressione orale.-Criteri di valutazione: sarà attribuita una votazione tra 27 e 30 e lode a coloro che sapranno analizzare approfonditamente un testo documentario trattato a lezione, che dimostreranno una buona conoscenza del programma e di saper comunicare con linguaggio appropriato e con un’ottima o buona capacità di espressione orale e scritta i temi trattati a lezione e/o studiati sui testi. Una votazione tra 23 e 26 sarà attribuita a quanti dimostreranno una buona conoscenza del programma, anche se con qualche incertezza, la capacità di sottoporre ad analisi un testo documentario trattato a lezione e una buona proprietà di linguaggio, seppure con qualche esitazione nell’esposizione. Una conoscenza lacunosa del programma e un’esposizione non del tutto appropriata daranno luogo a una valutazione tra 18 e 22. Inadeguata conoscenza dei temi trattati, scarsa capacità di analisi di un testo documentario e un’espressione scritta e orale scorretta porteranno a una valutazione negativa.Gli studenti stranieri potranno concordare con il docente una prova alternativa a quella scritta.

Anno Accademico: 
2018-2019
Ore: 
60
CFU: 
12
Semestre: 
Primo semestre