Linguistica greca - 2018-2019 - Modulo A+B - Laurea triennale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza dello sviluppo storico della letteratura greca;

Conoscenza distinta della grammatica greca normativa e delle sue categorie;

Conoscenze di base di linguistica storica;

Esperienza di lavoro autonomo di traduzione di testi letterari greci

Obiettivi: 

1. Obiettivi formativi

Lo scopo della disciplina è di affinare negli studenti la sensibilità linguistica per il greco antico, in particolare nel suo sviluppo diacronico. Si intende raggiungere l'obiettivo attraverso la sottomissione di nozioni di morfologia storica (grammatica storica) e di elementi di storia del greco dalla preistoria all'età classica, tra i quali il miceneo e i dialetti (storia della lingua greca). I corsi vengono completati dalla lettura linguistica di testi letterari.

2. Risultati di apprendimento attesi

Coerentemente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio erogante previsti dalla scheda SUA-CdS, l'attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente le seguenti conoscenze e abilità:

a) Conoscenza e capacità di applicare conoscenza e comprensione:

Elementi e metodologia di analisi della morfologia della lingua greca antica

Concetto di “Storia di una lingua” e delle sue fasi

Elementi di miceneologia e dialettologia greca antica

Affrontare autonomamente specifici problemi, di complessità media, riguardante l’analisi linguistica dei testi in greco antico

Dialogare in contesti multidisciplinari che richiedano una media competenza metalinguistica

Orientarsi nella ricerca bibliografica

b) Autonomia di giudizio:

Attitudine alla lettura critica di un testo in lingua greca antica, sia in termini formali sia di contenuto, a partire dal punto di vista linguistico

c) Abilità comunicative:

Appropriatezza di linguaggio e consequenzialità nell’esposizione di argomenti che abbiano a che fare con la linguistica del greco antico

d) Capacità di apprendere:

Possesso, in termini di nozioni generali e di capacità di ricerca bibliografica, di strumenti per contestualizzare e approfondire temi e problemi di tipo linguistico che gli si presentino per la prima volta.

Programma: 

Modulo A - I semestre

ORE DI LEZIONE FRONTALE: 30

Morfologia storica del greco

Il nome - Il verbo.

Il corso consisterà essenzialmente nell'illustrazione delle caratteristiche morfologiche, perlopiù flessionali, del nome e del verbo greco antico e della loro evoluzione. Sicuramente saranno comprese l'analisi del nome sostantivo e dei temi verbali al modo indicativo, se vi sarà tempo anche quello di altre categorie (aggettivi, modi verbali, etc.). Le nozioni impartite troveranno applicazione mediante l'analisi delle forme presenti nel testo di cui alle lezioni di altra tipologia.

ORE DI ALTRA TIPOLOGIA: 18

Esercitazioni di analisi morfologica del greco sul libro VI dell'Odissea.

Metodi didattici

Lezioni frontali e analisi di testi

Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento

Una prima verifica dell’apprendimento avviene durante il corso, quando si chiederà, episodicamente, agli studenti, di applicare nozioni già illustrate per spiegare fenomeni nuovamente introdotti.

La prova d’esame è orale e consiste in un colloquio in cui il docente, attraverso una serie di domande, accerterà le conoscenze teoriche e le metodologie teorico-pratiche presentate a lezione. In particolare, gli studenti saranno invitati a leggere metricamente e a tradurre un brano del V libro e uno del VI libro dell’Odissea. Sul testo di quest’ultimo brano si verificherà la conoscenza di nozioni di morfologia storica del greco, limitandosi agli argomenti che sono stati affrontati nelle lezioni.

Sono parametri generali importanti per la valutazione: la sicurezza nella traduzione e nella lettura metrica; l’ordine, l’appropriatezza terminologica e la consequenzialità logica nell’esposizione delle nozioni di morfologia storica.

 

Modulo B - II semestre

ORE DI LEZIONE FRONTALE: 30

Storia della lingua greca

Definizione di una storia della lingua - Greco e indoeuropeo - Il greco comune - Il miceneo (con lettura di alcune tavolette) - I dialetti (con lettura di iscrizioni arcaiche).

ORE DI ALTRA TIPOLOGIA 18

Letture da testi, con commento linguistico

Letture con analisi linguistica da Omero, Iliade, libro I; Teocrito, Idillio XXII.

Metodi didattici

Lezioni frontali e analisi di testi

Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento

Per la prova d'esame, oltre alla conoscenza di quanto illustrato in aula, è richiesta la lettura metrica e la traduzione integrale Omero, Iliade, libro I; Teocrito, Idillio XXII, nonché di Teocrito, Idillio XIII.

La prova d’esame è orale e consiste in un colloquio in cui il docente, attraverso una serie di domande, accerterà le conoscenze teoriche e le metodologie teorico-pratiche presentate a lezione. In particolare, gli studenti saranno invitati a dimostrare di aver assunto il concetto di “Storia della lingua” e di saper illustrare almeno uno dei suoi passaggi a riguardo del greco, di conoscere il significato storico-linguistico del dialetto miceneo e i principi della dialettologia greca. Inoltre, gli studenti dovranno essere in grado di leggere, tradurre e commentare i testi micenei, dialettali e letterari che verranno selezionati, tra quelli illustrati a lezione.

Sono parametri generali importanti per la valutazione: la sicurezza nella lettura e nella traduzione dei testi; l’ordine, l’appropriatezza terminologica e la consequenzialità logica nell’esposizione, in particolare, dei concetti di “Storia della lingua”, delle caratteristiche del dialetto miceneo e, per la dialettologia greca, della teoria di Ernst Risch. La medesima attenzione vale per i commenti ai testi.

Testi adottati: 

Modulo A

Testi per la preparazione dell'esame: Appunti delle lezioni. Testo di riferimento (ovvero testo di base per l'illustrazione della morfologia storica e per il ripasso delle nozioni): P. Chantraine, Morphologie historique du grec, Editions Klincksieck, II ed., Paris 1961 (più volte ristampato): solo per gli argomenti illustrati a lezione.

Per Omero si consiglia: Omero, Odissea, vol. II (Libri V-VIII), introduzione, testo e commento a cura di J. B. Hainsworth, traduzione di G. Aurelio Privitera, Fondazione Lorenzo Valla, Arnoldo Mondadori Editore, s. l. 1982 (più volte ristampato).

Modulo B

Testi per l'esame (da leggere come supporto a quanto illustrato a lezione): A. Meillet, Lineamenti di storia della lingua greca, Torino, Giulio Einaudi Editore 1976 (più volte ristampato); Y. Duhoux, Introduzione alla dialettologia greca antica, Bari, Levante 1986, pp. 21-77; A. Debrunner, Storia della lingua greca, II, Il greco postclassico. Questioni e caratteri fondamentali. II ed. rifatta da A. Scherer, Gaetano Macchiaroli editore, Napoli 1969. Si consiglia vivamente la lettura attenta di A. C. Cassio (cur.), Storia delle lingue letterarie greche, Milano 2016, II ed., pp. 3-129 (o almeno pp. 32-72, 107-129)

Testi:

Omero: Homeri Opera, recogn. brevique adn. crit. instruxerunt D. B. Monro-Th. W. Allen, Tomus I Iliadis libros I-XII continens, III ed., Oxford University Press, Oxford 1920 oppure Homeri Ilias, recensuit/ testimonia congessit M. L. West, vol. I, B. G. Teubner, Stutgardiae et Lipsiae 1998

Per il solo testo con traduzione: Omero, Iliade, a cura di M. G. Ciani, commento di E. Avezzù, Marsilio editori, Venezia 1990 oppure Omero, Iliade, introduzione e traduzione di G. Cerri, commento di A. Gostoli, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 2000

Teocrito: per un testo critico con commento: A. S. F. Gow, Theocritus, voll. I-II, Cambridge University Press, II edizione, Cambridge 1952; per una traduzione, con testo a fronte e note: B. M. Palumbo Stracca, Teocrito, Idilli e epigrammi, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1993 (più volte ristampato).

Inglese
Prerequisites: 

Knowledge of the historical development of the Greek literature

Clear knowledge of the normative grammar of the Greek language and of its categories

Basic knowledge of historical linguistic

Autonomy in translating Greek literary texts

Aims: 

1. Educational objectives

The aim of the course consists in sharpening the linguistic competence in ancient Greek, in particular in relation to the diachronic development of the language and to the different genres of texts. The aim will be reached through the supply of notions of historical morphology (historical grammar) and rudiments of history of the Greek language from the prehistory to the classical age, as, for example, the Mycenaean and the dialects (with close reading of some Mycenaean tablets and archaic inscriptions in alphabetic Greek). The course is completed by the linguistic reading of Homer and other literary texts.

2. Expected results:

In line with the educational objectives of the Study Program stated in the SUA-CdS, the training activity aims to provide the student with the following knowledge and skills:

a) Knowledge and understanding and applying knowledge and understanding:

Elements and methodology of analysis of the morphology of ancient Greek language

Concept of "History of a language" and its phases

Elements of mycenaeology and ancient Greek dialects

To deal autonomously with specific problems of average complexity concerning the linguistic analysis of ancient Greek texts

To dialogue in multidisciplinary contexts that require a medium metalinguistic competence

Orientate yourself in bibliographic research

b) Making judgements:

Attitude to the critical reading of a text in ancient Greek, both in formal terms and content, starting from the linguistic point of view

 

c) Communication skills:

Appropriate language and consequentiality in the exposition of topics that deal with ancient Greek linguistics

 

d) Learning skills:

Mastery, in terms of general notions and bibliographic research skills, of tools for contextualizing and deepening linguistic issues and problems presented to them for the first time

Programme: 

Modulo A - I semester

FRONTAL LESSON HOURS: 30

Historical morphology of the Greek language

The nominal system - The verbal system

The course consists in illustrating the morphological, mainly flexional, features of the ancient Greek name and verb and their historical development.

The course previews surely the analis of the substantive and of the indicative mood of the verbal themes. If there is time, the course shall provide also the analysis of other categories (adjectives, other verbal moods, etc.). The learned notions will be applied by the morphological analysis of forms in the text indicated at the practice lessons.

 PRACTICE LESSON HOURS: 18

Exercitations of morphological analysis of ancient Greek on the VI Book of the Odyssey.

Teaching methods

Lectures, analysis of texts

Methods and criteria for verification of learning outcomes

An initial assessment of learning outcomes takes place during the course, when students are asked to apply concepts already illustrated to explain newly introduced phenomena.

The exam is oral and consists of an interview in which the teacher, through a series of questions, will ascertain the theoretical knowledge and the theoretical-practical methodologies presented in class. In particular, students will be invited to read metrically and translate a passage from the fifth book and one from the sixth book of the Odyssey. The knowledge of elements of historical morphology of the Greek language will be verified on the text of this last passage. The verification shall be limited to the topics that have been dealt with in the lessons.

The important general criteria for evaluation are: security in translation and metric reading; the order, the terminological appropriateness and the logical consequentiality in the exposition of the notions of historical morphology

 

Modulo B - II semester

History of the Greek language

What means “history of a language” - Greek and Indoeuropean - The common Greek - The Mycenaean (with translation and linguistic analysisi of some tablets) - The Greek dialects (with reading, translation and linguistic analysis of some archaic inscriptions).

PRACTICE LESSON HOURS: 18

Readings of literary texts with linguistic commentary

Readings with linguistic commentary from Homer, Iliad, Book I; Theocrit, Idyll XXII.

Teaching methods

Lectures, analysis of texts

Methods and criteria for verification of learning outcomes

For the exam, in addition to the knowledge of what is expounded in the class, the metrical reading and the full translation of Homer, Iliad, book I are required; Theocritus, Idyll XXII, as well as Theocritus, Idyll XIII.

The exam is oral and consists of an interview in which the teacher, through a series of questions, will ascertain the theoretical knowledge and the theoretical-practical methodologies presented in class. In particular, students will be invited to demonstrate that they have absorbed the concept of "History of language"; that they be able to expound at least one of its passages about Greek; that they know the historical-linguistic meaning of the Mycenaean dialect and the principles of Greek dialectology. In addition, students must be able to read, translate and make a commentary on the Mycenaean, dialectal and literary texts that will be selected, among those expounded in the class.

These are important general parameters for evaluation: the confidence in reading and translating texts; the order, the terminological appropriateness and the logical consequentiality in the exposition, in particular, of the concepts of "History of the language", of the characteristics of the Mycenaean dialect and, for the Greek dialectology, of the Ernst Risch theory. The same attention applies to the comments to the texts.

Texts adopted: 

Modulo A

Texts for the examination: Records of the lessons. Reference text: P. Chantraine, Morphologie historique du grec, Editions Klincksieck, II ed., Paris 1961 (many reprints): only for the topics illustrated during the lessons.

For Homer: Omero, Odissea, vol. II (Libri V-VIII), Introduction, text and commentary by J. B. Hainsworth, translation by G. Aurelio Privitera, Fondazione Lorenzo Valla, Arnoldo Mondadori Editore, s. l. 1982 (many reprints).

Modulo B

For the examination: Notes of the lessons. Reference texts (to be read, not to be studied): A. Meillet, Lineamenti di storia della lingua greca, Torino, Giulio Einaudi Editore 1976; Y. Duhoux, Introduzione alla dialettologia greca antica, Bari, Levante 1986, pp. 21-77; A. Debrunner, Storia della lingua greca, II, Il greco postclassico. Questioni e caratteri fondamentali. II ed. rifatta da A. Scherer, Gaetano Macchiaroli editore, Napoli 1969. A careful reading  of A. C. Cassio (cur.), Storia delle lingue letterarie greche, Milano 2016, II ed., pp. 3-129, or at least pp. 32-72, 107-129, is strongly recommended.

Texts:

Homer: Homeri Opera, recogn. brevique adn. crit. instruxerunt D. B. Monro-Th. W. Allen, Tomus I Iliadis libros I-XII continens, III ed., Oxford University Press, Oxford 1920 or Homeri Ilias, recensuit/ testimonia congessit M. L. West, vol. I, B. G. Teubner, Stutgardiae et Lipsiae 1998.

Only text with italian translation: Omero, Iliade, a cura di M. G. Ciani, commento di E. Avezzù, Marsilio editori, Venezia 1990 or Omero, Iliade, introduzione e traduzione di G. Cerri, commento di A. Gostoli, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 2000.

Theocrit: critical text with commentary: A. S. F. Gow, Theocritus, voll. I-II, Cambridge University Press, II edition, Cambridge 1952; translation with opposite Greek text and notes: B. M. Palumbo Stracca, Teocrito, Idilli e epigrammi, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1993.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Obbligatoria
Valutazione: 
Prova orale
Altre informazioni

La frequenza è obbligatoria per almeno due terzi delle ore di lezione

Le ore di lezione sono 96 e non 60, come indicato dal sistema

Anno Accademico: 
2018-2019
Carico didattico a: 
Ore: 
60
CFU: 
12
Semestre: 
Primo semestre
Secondo semestre