Sociologia della comunicazione culturale - 2018-2019 - Modulo B - Laurea magistrale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Predisposizione all’uso di internet e computer. Lettura di libri, giornali e periodici. Base di cultura generale, con particolare riferimento all’ambito dei media e delle nuove tecnologie per la comunicazione.

Obiettivi: 

Acquisire tecniche e strumenti per la comunicazione della cultura e della conoscenza. Conferire competenze per la comprensione dei processi di circolazione del sapere e della promozione dei contenuti. Apprendere nozioni che riguardano il settore dell’industria creativa e dell’industria culturale e le trasformazioni in atto derivate dallo sviluppo delle tecnologie digitali.

Programma: 

Modulo A

I paradigmi della comunicazione. La formazione dell’opinione pubblica tra media e new media.

Il corso focalizza l’attenzione sulle trasformazioni introdotte dai new media nell’ambito della comunicazione, che riguardano sia l’agire collettivo, il modo in cui le organizzazioni e le istituzioni utilizzano le nuove tecnologie, sia l’agire individuale, contesto in cui mutano le relazioni, non solo tra persone, ma anche tra il singolo e la macchina. In questo scenario assumono un ruolo di rilievo i flussi di informazione, entrano in crisi i tradizionali mezzi di comunicazione e i media generalisti, si assiste allo sviluppo dei personal e dei social media, il tutto amplificato dalla diffusione delle apparecchiature mobile. L’obiettivo è ragionare sui cambiamenti avvenuti nella circolazione dei contenuti, dalla produzione dei testi ai canali, e sull’evoluzione dei comportamenti e dei consumi degli utenti. 

 

Modulo B

La narrazione di storie in ambito educativo: dallo storytelling al digital storytelling.

«Il racconto è una delle grandi categorie della conoscenza che utilizziamo per comprendere e ordinare il mondo» (Roland Barthes). L’arte del narrare storie fa uso di differenti tipi di narrazione: dal racconto orale, come lo praticavano i cantastorie, fino al digital storytelling, la moderna espressione di questa pratica. Partendo dall’assunto che «tutti hanno una storia da raccontare» (Center for Digital Storytelling), l’obiettivo del corso è illustrare le tecniche per la costruzione di un racconto digitale e indicare le possibili applicazioni di questo prodotto e della sua metodologia di realizzazione nel campo della formazione. 

Testi adottati: 

Modulo A

  • Luciano Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Bologna, Il Mulino, 2010.
  • Renato Stella, Claudio Riva, Cosimo Marco Scarcelli, Michela Drusian, Sociologia dei new media, Torino, UTET Università, 2014.
  • Daniela Sideri, La socializzazione letteraria. Il libro come agente inclusivo e il mercato editoriale 0-14, con la Prefazione di Francesca Vannucchi, Narrazioni transmediali e letture multimodali. Una riflessione sul futuro del libro, Roma, Aracne Editrice, 2017. 

Modulo B

Inglese
Prerequisites: 

Knowledge of internet and computer. Reading books, newspapers and specialized magazines. General culture, in particular about the media and new technologies for comunication.

Aims: 

Learn techniques and tools for the communication of culture. Understand the processes of circulation of knowledge and the promotion of contents. Know topics that relate to the industry of creativity and the industry of culture, and the transformations underway derived from the development of digital technologies.

Programme: 

Modulo A

The paradigms of the communication. The formation of public opinion from the media to the new media.

The course deals with on the transformations introduced by the new media in the field of communication. It focuses both collective action - how organizations and institutions use the new technologies - and individual action - in which the relationships change. In this context the information flows are very important, the traditional media and the generalists media are in crisis, the development of personal and social media is witnessed, amplified by the spread of mobile devices. The goal of this course is to understand the changes in the contents circulation, in the production of texts, and in the evolution of user behaviors and consumption.

 

Modulo B

The narrative of the stories in the educational field: from the storytelling to the digital storytelling.

«The tale is one of the great categories of the knowledge that we use to understand and order the world» (Roland Barthes). The art of telling stories makes use of different types of narration: from the oral story to the digital storytelling, the modern expression of this practice. Starting from the assumption that "Everyone has a story to tell" (Center for Digital Storytelling), the objective of the course is to illustrate the techniques for building a digital story and to indicate the possible applications of this product and of its methodology in the field of training.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Facoltativa
Valutazione: 
Prova orale
Altre informazioni

Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere i seguenti testi (facoltativi per tutti gli altri):

-       Henry Jenkins, Cultura convergente, Milano, Apogeo Education, 2014.

-       Luciano Paccagnella e Agnese Vellar, Vivere online. Identità, relazioni, conoscenza, Bologna, Il Mulino, 2016.

Gli studenti che rilevano una sovrapposizione di testi con altre discipline insegnate nel Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell’informazione, della comunicazione e dell’editoria dovranno concordare con il docente dei titoli alternativi.

AVVERTENZE IMPORTANTI:

-       Data la natura del corso, la frequenza è particolarmente consigliata. Gli studenti che si trovassero nell’impossibilità di frequentare dovranno prendere contatti con il docente, almeno un mese prima della data dell’esame, per concordare eventuali testi o materiali integrativi a quelli già previsti.

-       Il Modulo A è propedeutico al Modulo B. Gli studenti che intendano conseguire solo 6 CFU della materia dovranno presentarsi all’esame esclusivamente con il programma del Modulo A.

Il corso si articola in lezioni frontali, attività esterne, progetti e ricerche realizzate collettivamente, seminari tenuti da professionisti esterni. Gli studenti - anche i non frequentanti - sono invitati a partecipare ai vari eventi organizzati, il cui calendario sarà pubblicato sistematicamente sul sito del Corso di Laurea Magistrale, sulla bacheca eventi della Facoltà di Lettere e Filosofia e su Facebook.

Anno Accademico: 
2018-2019
Ore: 
30
CFU: 
6