Antropologia dei patrimoni culturali e gastronomici - 2016-2017

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2016-2017
Secondo semestre
Italiano
Prerequisiti: 

Obiettivo del modulo è quello di fornire una conoscenza critica e ragionata delle problematiche inerenti i patrimoni culturali immateriali e della complessità teorica-normativa che ne disciplina salvaguardia e promozione. Particolare attenzione riflessiva verrà rivolta all'analisi dei patrimoni eno-gastronomici in ottica regionale, nazionale e internazionale al fine di comprenderne le pratiche di destinazione nei quadri delle moderne forme di food tourism di successo.

Programma: 

Il  corso,  è  suddiviso  in  una  parte  generale  e  in  una monografica.  Nella  prima  saranno  indagati  i  nodali  orientamenti  teorici  che  improntano  la storia  degli  studi  disciplinari.  Verranno  inoltre  sottoposti  a  vaglio  critico  i  più importanti  strumenti  metodologici  e  concettuali  con  i  quali  l’Antropologia  culturale  si rapporta  ai  suoi  oggetti  specifici  di  studio.  Nella  parte  monografica  si procederà nell'analizzare le strategie di valorizzazione turistica dei patrimoni culturali locali, con specifico riferimento a quelli relativi alla dimensione immateriale della cultura (riti e festività tradizionali, eventi folclorici, sacre rappresentazioni, festival musicali). Si procederà inoltre a decodificare la poliedricità degli usi e dei significati assunti dal cibo nella dimensione della quotidianità e nella sfera dei comportamenti alimentari individuali e collettivi.  A tal riguardo verranno sottoposti ad analisi alcuni tra i più significativi casi di successo del turismo eno-gastronomico nazionale e internazionale, favorendo ove possibile la testimonianza in aula dei diretti protagonisti.
 

Testi adottati: 

- E. Di Renzo, "Mangiare l'autentico", Roma, Universitalia, 2015;
- E. Di Renzo (a cura di), DISPENSE: La problematizzazione antropologica del cibo. Letture disciplinari e percorsi teorico-riflessivi (reperibile presso la libreria Universitalia).
Gli studenti non frequentanti, in alternativa agli appunti presi a lezione, dovranno studiare il seguente libro:
- M. Franchi, "Il cibo flessibile", Roma, Carocci, 2009
 

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Facoltativa
Valutazione: 
Prova orale
Valutazione in itinere
Altre informazioni
Altre informazioni: 

Nel corso del modulo sono previste visite didattiche e lezioni "non convenzionali" in strutture cittadine legate alla produzione, consumo e commercializzazione dei prodotti eno-gastronomici.