Diplomatica - 2016-2017 - Laurea magistrale

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2016-2017
Primo semestre
Italiano
Prerequisiti: 

L'esame triennale è considerato propedeutico

Obiettivi: 

Si prevede che al termine del corso lo studente sia in grado di leggere, trascrivere, comprendere, analizzare formalmente e criticamente nonché contestualizzare testi documentari di varia tipologia tràditi nelle forme originarie.

Programma: 

L’edizione dei documenti medievali.

Testi adottati: 

- ATTILIO BARTOLI LANGELI, Il testamento di Buffone padovano (1238). Edizione e leggibilità di un testo documentario, in Le Venezie francescane, n.s. 3 (1986), pp. 105-124; ripubblicato ora in ID., Notai. Scrivere documenti nell’Italia medievale, Roma, Viella, 2006, pp. 185-210 col titolo Il notaio e il testatore. Rodulfo (Padova, 1238)

- ATTILIO BARTOLI LANGELI, L’edizione dei testi documentari. Riflessioni sulla filologia diplomatica, in AA.VV., L’edizione di testi mediolatini. Problemi, metodi, prospettive. Testi della VIII settimana residenziale di studi medievali, Carini, 24-28 ottobre 1988, «Schede medievali» dell’Officina di Studi medievali, 20-21 (Palermo 1991), pp. 116-131

- ALESSANDRO PRATESI, Una questione di metodo: l’edizione delle fonti documentarie. in «Rassegna degli Archivi di Stato», XVII (1957), pp. 312-333 (anche in Antologia di scritti archivistici, a cura di R. Giuffrida, Roma 1985, pp. 693-714 e in A. Pratesi, Tra carte e notai. Saggi di diplomatica dal 1951 al 1991, Roma 1992 (Miscellanea della Società Romana di Storia Patria, XXXV), pp. 7-31 (distribuito on line sul sito Scrineum.unipv.it)

- DINO PUNCUH, Edizioni di fonti: prospettive e metodi, in Rivista di studi Liguri, 50, 1984, pp. 214-228

- G. COSTAMAGNA, Problemi specifici della edizione dei registri notarili, in Fonti medievali e problematica storiografica (Atti del Congresso Internazionale in occasione del 90° Anniversario dell’Istituto Storico Italiano), Roma 1976-1977, pp. 131-147;

- D. PUNCUH, Sul metodo editoriale di testi notarili italiani, in Atti del secondo convegno delle società storiche della Toscana, Lucca, ottobre 1977 (« Actum Luce », VI, 1977), pp. 59-80

Inglese
Prerequisites: 

prerequisite is having alredy obtained 12 CFU in Diplomatics

Aims: 

It is expected that at the end of the course students acquire the ability to read, transcribe, understand, analyze and contextualize written records.

Programme: 

The edition of medieval documents.

Texts adopted: 

- ATTILIO BARTOLI LANGELI, Il testamento di Buffone padovano (1238). Edizione e leggibilità di un testo documentario, in Le Venezie francescane, n.s. 3 (1986), pp. 105-124; ripubblicato ora in ID., Notai. Scrivere documenti nell’Italia medievale, Roma, Viella, 2006, pp. 185-210 col titolo Il notaio e il testatore. Rodulfo (Padova, 1238)

- ATTILIO BARTOLI LANGELI, L’edizione dei testi documentari. Riflessioni sulla filologia diplomatica, in AA.VV., L’edizione di testi mediolatini. Problemi, metodi, prospettive. Testi della VIII settimana residenziale di studi medievali, Carini, 24-28 ottobre 1988, «Schede medievali» dell’Officina di Studi medievali, 20-21 (Palermo 1991), pp. 116-131

- ALESSANDRO PRATESI, Una questione di metodo: l’edizione delle fonti documentarie. in «Rassegna degli Archivi di Stato», XVII (1957), pp. 312-333 (anche in Antologia di scritti archivistici, a cura di R. Giuffrida, Roma 1985, pp. 693-714 e in A. Pratesi, Tra carte e notai. Saggi di diplomatica dal 1951 al 1991, Roma 1992 (Miscellanea della Società Romana di Storia Patria, XXXV), pp. 7-31 (distribuito on line sul sito Scrineum.unipv.it)

- DINO PUNCUH, Edizioni di fonti: prospettive e metodi, in Rivista di studi Liguri, 50, 1984, pp. 214-228

- G. COSTAMAGNA, Problemi specifici della edizione dei registri notarili, in Fonti medievali e problematica storiografica (Atti del Congresso Internazionale in occasione del 90° Anniversario dell’Istituto Storico Italiano), Roma 1976-1977, pp. 131-147;

- D. PUNCUH, Sul metodo editoriale di testi notarili italiani, in Atti del secondo convegno delle società storiche della Toscana, Lucca, ottobre 1977 (« Actum Luce », VI, 1977), pp. 59-80

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Obbligatoria
Valutazione: 
Prova orale
Prova pratica