Drammaturgia Musicale - 2015-2016

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2015-2016
Secondo semestre
Italiano
Prerequisiti: 

Il corso quest'anno verrà tenuto dalla prof. Deborah Burton

Obiettivi: 

Il corso, articolato in un semestre, comprende aspetti formali, stilistici, e strutturali delle opere liriche di Giacomo Puccini, da Le villi (1883) a Turandot (1926) e i loro fonti letterari. Con queste opere si scoprano tracce delle tradizionali convenzioni teatrali e musicali che saranno cambiati con le influenze del wagnerismo alla fine del ottocento e del modernismo all’inizio del novecento.

Testi adottati: 

Per studenti frequentanti:

1. Paul M. Levitt, "A Structural Approach to the Analysis of Drama" (The Hague:Mouton, 1971)

2. Michele Girardi, "Giacomo Puccini: L’arte internazionale di un musicista italiano". (Venezia: Marsilio, 1995).

Per studenti non frequentanti: Oltre ai libri di cui ai nn. 1 & 2 sopra elencati:

3. Deborah Burton, Recondite Harmony: Essays on Puccini’s Operas (New York:  Pendragon Press, 2012).

Inglese
Prerequisites: 

The course will be held by Prof. Deborah Burton

Aims: 

This one-semester course includes formal, stylistic and structural aspects of the operas of Giacomo Puccini, from Le villi (1883) to Turandot (1926) and their literary sources. With these operas we will discover traces of traditional theatrical and musical conventions, which will become changed by the influences of Wagnerism at the end of the 19th century, and by Modernism at the beginning of the 20th century.

Texts adopted: 

For students who attend class:

1. Paul M. Levitt, A Structural Approach to the Analysis of Drama (The Hague:  Mouton, 1971)

2. Michele Girardi, Giacomo Puccini: L’arte internazionale di un musicista italiano. (Venezia: Marsilio, 1995).

 

For students who do not attend class:

In addition to texts 1 & 2 listed above:

3. Deborah Burton, Recondite Harmony: Essays on Puccini’s Operas (New York:  Pendragon Press, 2012).

Altre informazioni
Altre informazioni: 
  1. Il corso ha carattere seminariale, quindi la frequenza è raccomandata.
  2. Gli studenti devono iscriversi al corso entro la seconda settimana, inviando una mail al docente.  
  3. Gli studenti che avessero difficoltà a frequentare regolarmente sono tenuti ad annunciarsi al docente all’inizio del corso, a esporre eventuali problemi o difficoltà, e a concordare una modalità di frequenza alternativa (per esempio, al ricevimento). Si ricorda che il docente è sempre a disposizione degli studenti durante gli orari di ricevimento, e al di fuori degli orari previo appuntamento.
  4. Per gli studenti frequentanti (frequenza di almeno 2/3 delle lezioni) l’esame consisterà in una breve discussione sul lavoro svolto, e cioè sulla relazione pubblica e sulla tesina. Per gli studenti non frequentanti l’esame consisterà in un’interrogazione sulla bibliografia indicata e nella tesina.
  5. Parte integrante dell’esame (in modalità frequentanti) è una relazione che ogni studente terrà pubblicamente su un argomento sopra un’opera pucciniano. La relazione costituirà parte dell’esame.
  6. Le linee-guida per la stesura della tesina sono contenute nel documento Guida alle tesine 2.0 scaricabile da DidatticaWeb. Si ricorda che in caso di plagio evidente la tesina non è considerata valida.
  7. La tesina deve essere consegnata al docente al più tardi una settimana prima dell’appello. Tesine consegnate all’ultimo momento non saranno prese in considerazione. La consegna può avvenire in formato cartaceo o elettronico.
  8. Per qualsiasi esigenza contattare il docente all’indirizzo burtond@bu.edu