Filologia classica - 2016-2017 - Modulo A

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2016-2017
Primo semestre
Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza almeno elementare delle lingue classiche.

Obiettivi: 

Introduzione al metodo della filologia classica: la storia della tradizione dei testi greci e latini (con attenzione agli aspetti materiali e culturali che ne hanno determinato la conservazione o la perdita) e il metodo della critica testuale (ricostruzione dei testi antichi in base ai testimoni manoscritti, papiracei e/o di tradizione indiretta), nella sua evoluzione dalle origini fino al cosiddetto "metodo del Lachmann", a Paul Maas e a Giorgio Pasquali. Gli studenti verranno iniziati al corretto uso delle edizioni critiche e dei moderni strumenti per l'indagine filologica. 

Programma: 

Introduzione alla filologia classica.
Storia della tradizione dei classici e metodo della critica testuale.

 

Testi adottati: 

Per gli studenti frequentanti:
M. Scialuga, Introduzione allo studio della filologia classica, Alessandria (Edizioni dell'Orso) 2002
Una selezione di pagine tratte da:
L. D. Reynolds – N. G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'Antichità al Rinascimento, Padova (Antenore) 1987
P. Maas, Critica del testo, Firenze (Le Monnier) 1984
S. Timpanaro, La genesi del metodo del Lachmann, Torino (UTET) 2004

G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze (Le Lettere) 1988 (Prefazione)
E. J. Kenney, Testo e metodo, Roma (GEI) 1995

e da altri saggi di cui si tratterà e si darà indicazione durante il corso.
 
Per i non frequentanti:
M. Scialuga, Introduzione allo studio della filologia classica, Alessandria (Edizioni dell'Orso) 2002
L. D. Reynolds – N. G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'Antichità al Rinascimento, Padova (Antenore) 1987
Una selezione di pagine, di cui si fornirà precisa indicazione all'inizio del corso, tratte da:
P. Maas, Critica del testo, Firenze (Le Monnier) 1984
S. Timpanaro, La genesi del metodo del Lachmann, Torino (UTET) 2004
G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze (Le Lettere) 1988 (Prefazione)
E. J. Kenney, Testo e metodo, Roma (GEI) 1995 

 

Inglese
Prerequisites: 

Basic knowledge of classical languages.

 

Aims: 

The method of classical philology: the history of greek and latin texts (how they survived or vanished, along the centuries), and textual criticism (the method to reconstruct texts based on variant copies of manuscripts: from origins to the "Lachmann method", to Paul Maas and Giorgio Pasquali). Students will learn the correct use of critical editions and modern tools of classical scholarship. 

 

Texts adopted: 

M. Scialuga, Introduzione allo studio della filologia classica, Alessandria (Edizioni dell'Orso) 2002
L. D. Reynolds – N. G. Wilson, Copisti e filologi. La tradizione dei classici dall'Antichità al Rinascimento, Padova (Antenore) 1987
P. Maas, Critica del testo, Firenze (Le Monnier) 1984 (a selection)
S. Timpanaro, La genesi del metodo del Lachmann, Torino (UTET) 2004 (a selection)
G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze (Le Lettere) 1988, pp. IX-XXIV (Prefazione)
More bibliographic references at the beginning of the course. 

 

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Facoltativa
Valutazione: 
Prova orale
Altre informazioni
Altre informazioni: 

Il corso inizierà lunedì 3 ottobre 2016 e terminerà lunedì 7 novembre.
Lun. 15/17 in aula P3
Merc.15/17  in aula T26
Giov. 15/17 in aula T26

Docente: