Letteratura italiana e Letteratura per lo Spettacolo - 2016-2017 - Modulo A+B

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2016-2017
Primo semestre
Secondo semestre
Italiano
Obiettivi: 

MOD. A (I SEMESTRE)
Il corso propone un percorso formativo incentrato sull'acquisizione di conoscenze e di competenze necessarie a chi vuole affrontare lo studio della Letteratura Italiana in modo critico e consapevole e, in particolar modo, vuole avviare una ricerca scientifica sulla disciplina. L'obiettivo primario è dunque mettere lo studente in condizione di conoscere e soprattutto di saper usare gli strumenti necessari alla lettura critica di un testo letterario. 
 
MOD. B (II SEMESTRE)
Il corso intende affrontare le problematiche relative ai rapporti tra la letteratura e le altre arti, con particolare attenzione al cinema e al teatro. Si vuole proporre agli studenti un percorso teorico sui principi della transcodificazione, degli scambi e dei prestiti tra il codice letterario e i codici artistici contigui, nonché una lettura di testi letterari che sono stati transcodificati, adattati o riscritti per il teatro e il cinema.

Programma: 

MOD. A (I SEMESTRE)
Il corso intende illustrare i principi dell'analisi del testo letterario innanzi tutto individuando gli elementi costitutivi di un'opera letteraria, ripercorrendo la storia della letteratura come i fondamenti della linguistica, la storia dei generi letterari come i fondamenti di metrica e di narratologia. A una prima definizione di testo letterario e a un'analisi degli strumenti critici per interpretarlo seguirà l'applicazione degli stessi su alcuni testi esemplari della letteratura italiana nel tentativo di mettere in condizione gli studenti di elaborare un’autonoma indagine interpretativa. Il corso si concluderà, infine, con l'analisi di metodologie e tecniche di ricerca proprie degli studi letterari al fine di avviare gli studenti allo studio critico e consapevole della letteratura italiana.
 
MOD. B (II SEMESTRE)
Dopo un percorso teorico adeguato alla comprensione dei linguaggi e delle loro differenze espressivo-comunicative, si prenderanno in considerazione testi letterari che sono stati oggetto di passaggio di codice e soprattutto indicativi di varie tipologie di trasformazione: a) Problemi di adattamento e riduzione: il romanzo; b) Tecniche di dilatazione della storia: racconto breve e novella; c) Il rapporto tra la narrativa contemporanea e la scrittura cinematografica; d) Il rapporto tra la scrittura teatrale e la scrittura cinematografica.   
In particolare, nell'anno delle celebrazioni del centocinquntenario della nascita di Luigi Pirandello, si partirà da alcuni suoi saggi critici che trattano del rapporto tra le arti e da alcuni suoi testi narrativi che hanno poi trovato la loro transcodificazione, teatrale o cinematografica, per mano del loro stesso autore o di altri autori, sceneggiatori e registi.

Testi adottati: 

MOD. A (I SEMESTRE)
Rino Caputo e Florinda Nardi, Propedeutica allo studio della letteratura italiana, consultabile in piattaforma (o su Didattica Web).
Pamela Parenti, Fondamenti essenziali di metrica italiana, Roma, Nuova Cultura, 2010.
Andrea Bernardelli e Remo Ceserani, Il testo narrativo, Bologna, il Mulino, 20142.
Remo Ceserani, Guida breve allo studio della letteratura, Roma-Bari, Laterza, 2005.
 
Come testo di riferimento per la conoscenza della Storia della Letteratura Italiana si consiglia: Giulio Ferroni, Storia della letteratura italiana, 4 voll., Torino, Einaudi Scuola, 1991 o altro testo di consultazione valido.
 
Per i non frequentanti anche:
Vittorio Roda (a cura di), Manuale di Italianistica, Bologna, Bonomia University Press, 2005.
 
Ulteriori chiarimenti sui testi d’esame verranno forniti durante il corso.
 
MOD. B (II SEMESTRE) 
Lettura e analisi di due testi letterari (romanzo, racconto, raccolta di componimenti poetici, ecc.), a scelta dello studente, che sono stati oggetto di passaggio di codice (dal letterario al filmico, al teatrale, ecc.);
Lettura e/o visione delle trasposizioni relative ai testi letterari scelti (testo teatrale da testo narrativo, sceneggiatura cinematografica da romanzo, ecc., film, registrazione audiovisiva di spettacoli teatrali, ecc.)
Sarà parte integrante dell’esame l’analisi comparativa di uno dei due testi sopra scelti in una tesina di min 10.000 max 20.000 battute spazi inclusi.
 
I seguenti testi 
Luigi Pirandello, Quaderni di Serafino Gubbio operatore (qualunque edizione Mondadori)
Florinda Nardi (a cura di), L' "emozione feconda". Luigi Pirandello e la creazione artistica, Roma, Nuova Cultura, 2008
Paolo Giovannetti, Il racconto. Letteratura, cinema, televisione, Roma, Carocci, 2012
Armando Fumagalli, I vestiti nuovi del narratore. L’adattamento da letteratura a cinema, Milano, Il Castoro, 20092
 
Per i non frequentanti anche:
Romana Rutelli, Dal libro allo schermo. Sulle traduzioni intersemiotiche dal testo verbale al cinema, Pisa, ETS, 2004.

 
 
 

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Facoltativa
Valutazione: 
Prova orale
Docente: