Storia dell’architettura - 2016-2017 - Moduli A e B - Laurea triennale - Beni Culturali

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2016-2017
Primo semestre
Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza manualistica delle vicende storiche e dello sviluppo dell'attività artistica in Italia tra il XIV e il XVI secolo.

Obiettivi: 

Il corso fornisce competenze storiche e analitiche di base in merito alla progettazione architettonica, applicabili alla comprensione degli sviluppi della storia dell’architettura di epoca rinascimentale. 

Programma: 

Modulo A

Architettura italiana del Rinascimento 1.

Da Filippo Brunelleschi a Donato Bramante

Il corso segue lo svolgersi dell’architettura italiana rinascimentale dalla prima apparizione di un nuovo codice linguistico basato sullo studio dell’Antico introdotto da Brunelleschi nello Spedale degl’Innocenti fino ai cantieri romani di Bramante per papa Giulio II.

Modulo B

Architettura italiana del Rinascimento 2.

Da Raffaello ad Andrea Palladio

Il corso analizza il contributo di Raffaello alla definizione del linguaggio architettonico della Maniera Moderna, seguendo la carriera dei suoi migliori ‘allievi’ (soprattutto Antonio da Sangallo il Giovane, Giulio Romano e Baldassarre Peruzzi) e dei suoi agguerriti ‘concorrenti’ (Michelangelo), e segue la disseminazione del linguaggio architettonico classicista nel NordItalia e in particolare in area veneta, grazie a Sebastiano Serlio, Jacopo Sansovino, Michele Sanmicheli e, infine, Andrea Palladio.

Testi adottati: 

Modulo A

Francesco Paolo Fiore (a cura di), Storia dell’architettura italiana. Il Quattrocento, Milano, Electa 1998, da p. 9 a p. 433.

Arnaldo Bruschi (a cura di), Storia dell’architettura italiana. Il primo Cinquecento, Milano, Electa 2002, da p. 9 a p. 99.

Maria Beltramini, Brunelleschi e la rinascita dell’architettura, Milano, E.ducation 2008 (il pdf è a disposizione degli studenti, contattando la docente all’indirizzo maria.beltramini@uniroma2.it).

Modulo B

Arnaldo Bruschi (a cura di), Storia dell’architettura italiana. Il primo Cinquecento, Milano, Electa 2002, da p. 99 a p. 413.

Claudia Conforti e R. Tuttle (a cura di), Storia dell’architettura italiana. Il secondo Cinquecento, Milano, Electa 2001, pp. 436-481.

James S. Ackerman, Palladio, Torino 1972.

Inglese
Prerequisites: 

Basic knowledge of historical events and of the development of artistic languages from the XIVth to the XVIth centuries.

Aims: 

The course provides basic historical knowledge and interpreting skills on architectural procedures from the first sketch to the building process, to foster a better understanding of Renaissance architectural history.

Programme: 

Section A

Italian Renaissance Architectural History 1.

From Brunelleschi to Bramante

The course concetrates on the development of Renaissance architectural history from Brunelleschi revival of the ancient, decorative and structural language, to Bramante roman works for pope Julius II.

Section B

Italian Renaissance Architectural History 2.

From Raphael to Andrea Palladio

The course follows the architectural achievements of Raphael, Bramante’s heir, in Rome and the careers of his promising collaborators (Antonio da Sangallo il Giovane, Giulio Romano and Baldassarre Peruzzi) and ‘rivals’ (Michelangelo), together with the diffusion of the classical architectural style in north-eastern Italy thanks to Sebastiano Serlio, Jacopo Sansovino, Michele Sanmicheli and finally to Andrea Palladio

Texts adopted: 

Section A

Francesco Paolo Fiore ed., Storia dell’architettura italiana. Il Quattrocento, Milano, Electa 1998, from p. 9 to p. 433.

Arnaldo Bruschi ed., Storia dell’architettura italiana. Il primo Cinquecento, Milano, Electa 2002, from p. 9 to p. 99.

Maria Beltramini, Brunelleschi e la rinascita dell’architettura, Milano, E.ducation 2008 (the pdf is available, please write at maria.beltramini@uniroma2.it).

Section B

Arnaldo Bruschi ed., Storia dell’architettura italiana. Il primo Cinquecento, Milano, Electa 2002, da p. 99 a p. 413.

Claudia Conforti and R. Tuttle eds., Storia dell’architettura italiana. Il secondo Cinquecento, Milano, Electa 2001, pp. 436-481.

James S. Ackerman, Palladio, Torino 1972.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Facoltativa
Valutazione: 
Prova orale