Storia e critica del cinema - 2016-2017 - Modulo A

Tu sei qui

Anno Accademico: 
2016-2017
Primo semestre
Italiano
Obiettivi: 

Il corso si propone di
• - fornire allo studente strumenti
per l’analisi linguistica e stilistica dei
testi filmici, in una prospettiva storica
• - fornire allo studente una
visione storica il più completa
possibile sul “fenomeno cinema” così
come si è evoluto nel mondo, dalle
origini fino ad oggi.

Programma: 

Il corso intende ripercorrere le principali linee di sviluppo della cinematografia mondiale, in particolare di quella europea ed americana. Oggetto di studio saranno le forme e le modalità di interazione che il medium cinematografico ha presentato nei contesti economici e sociali con cui si è incontrato nella sua storia.
Programma per frequentanti:
 
1) Sandro Bernardi, L'avventura del
cinematografo, Venezia, Marsilio, 2007.
 
2) Un testo a scelta fra i seguenti:
 
- Cristina Jandelli, Breve storia del divismo
cinematografico, Venezia, Marsilio, 2007.
- Federico Vitella, Il montaggio nella storia
del cinema, Venezia, Marsilio, 2009.
- Paola Valentini, Il suono nel cinema,
Venezia, Marsilio, 2006
 
3) Un testo a scelta fra i seguenti:
 
- Elena Dagrada, La grande rapina al treno.
The Great Train Robbery (Edward S.
Porter, 1903) e la storia del cinema, Milano,
Mimesis, 2012.
 
- Antonio Costa, Viaggio sulla Luna.
Voyage dans la Lune (George Méliès,
1902), Milano, Mimesis, 2013.
 
- Alovisio Silvio, Cabiria. (Giovanni
Pastrone), Milano, Mimesis, 2014.
 
4) I seguenti cortometraggi delle origini (tutti
disponibili anche sul web):
 
- Almeno una veduta dei Fratelli Lumière
(1896-1900), La voyage dans la Lune di
George Méliès (1902), The Life of an
American Fireman di Edwin S. Porter
(1903), The Great Train Robbery di Edwin
S. Porter (1903), As Seen Trough a
Telescope di G.A. Smith (1900),
Grandma’s Reading Glass di G.A. Smith
(1900), Mary Jane’s Mishap di G.A. Smith
(1903)
 
5) Un film a scelta per ognuno dei seguenti
gruppi:
 
a) Cabiria (1914) di G. Pastrone;
 
b) Intolerance (1916) di D. W. Griffith;
 
c) Stacka (Sciopero, 1925) di S.M.
Ejzenstein, o Bronenosec Potëmkin
(L’incrociatore Potemkin, 1926) di S.M.
Ejzenstein, o Cevolek s Kinoapparatum
(L’uomo con la macchina da presa, 1929)
di D. Vertov;
 
d) Un chien andalou (Un cane andaluso,
1929) o L’age d’or (L’eta dell’oro) di L.
Buñuel (1930);
 
e) Das Kabinet des dr. Caligaris di R.
Wiene (Il Gabinetto del Dr. Caligari,
1920), o Nosferatu, eine Simphonie des
Grauens (Nosferatu, 1922) di F.W.
Murnau, o Der Letzte Mann (L’ultimo
uomo, 1924) di F.W. Murnau, Metropolis
(Id., 1927) di F. Lang;
 
f) King Kong di M.C. Cooper e E.B.
Schoedsack (Id, 1933), o Top Hat di M.
Sandrich (Cappello a cilindro, 1935), o
Bringing up baby di H. Hawks (Susanna,
1938), o Ninotchka di E. Lubitsch (Id.,
1939), o Stagecoach (Ombre rosse,
1939) di J. Ford;
 
g) Boudu sauvé des eaux di J. Renoir (Boudou
salvato dalle acque, 1932), L’atalante di
J. Vigo (Id., 1934), o Toni di J. Renoir (Id.,
1935), o Une partie de campagne di J.
Renoir (La scampagnata, 1936-1946); or
Le jour se lève di M. Carnè (Alba tragica,
1939);
 
h) Gli uomini che mascalzoni di M. Camerini
(1932) o 1860 di A. Blasetti (1934), o Lo
squadrone bianco di A. Genina (1936), o
Il signor Max di M. Camerini (1937);
 
i) Quattro passi tra le nuvole di A. Blasetti
(1942), Ossessione di L. Visconti (1943),
o Roma città aperta di R. Rossellini
(1945); or Paisà di R. Rossellini (1946), o
Germania anno zero di R. Rossellini
(1947), o Ladri di Biciclette di V. De Sica
(1948), o La terra trema di Luchino
Visconti (1948), o Riso amaro di G. De
Santis (1949), o Umberto D. di V. De Sica
(1952);
 
l) Citizen Kane di O. Welles (Quarto potere,
1941), o Dark Passage di Delmer Daves
(La fuga, 1947), o The Rear Window di A.
Hitchcock (La finestra sul cortile, 1954), o
Written On The Wind di D. Sirk (Come
foglie al vento, 1956), o The Searchers di
J. Ford (Sentieri selvaggi, 1956);
 
m) À bout de souffle di J.-L. Godard (Fino
all’ultimo respiro, 1960), o Le Mépris di
J.-L. Godard (Il disprezzo, 1963);
 
n) L’avventura di M. Antonioni (1960), o
Accattone di P.P. Pasolini (1960), o Il
Sorpasso (1962) di D. Risi, o Il
gattopardo di Luchino Visconti (1963), I
Fidanzati di E. Olmi (1963), o Prima della
Rivoluzione di B. Bertolucci (1964), o I
pugni in tasca di Marco Bellocchio
(1965);
 
o) Bonnie and Clyde di A. Penn (Gangster
Story, 1968), o Easy Rider di D. Hopper
(Easy Rider – Libertà e paura, 1969), o A
Woman Under The Influence (Una
moglie, 1974) di J. Cassavetes, o The
Opening Night di J. Cassavetes (La sera
della prima, 1977), o Sugarland Express
(Id., 1974) di S. Spielberg;
 
p) Wild at Heart di D. Lynch (Cuore
selvaggio, 1990), o Batman Returns di T.
Burton (Batman – Il ritorno, 1992), o Pulp
Fiction (Id., 1995) di Q. Tarantino, o Lost
Highway (Strade Perdute, 1997) di D.
Lynch, o Mulholland Drive (Id., 2001) di
D. Lynch, o Redacted di B. De Palma
(2007), o Standard Operating Procedure
(2008) di E. Morris.
 
Programma per non frequentanti
 
6) In aggiunta ai precedenti testi:
Paolo Bertetto, L’interpretazione dei film,
Venezia, Marsilio, 2003.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Valutazione: 
Prova orale
Docente: 
Allegati: