Rocco Giulia

Tu sei qui

About: 

 
CURRICULUM
 
 
Giulia Rocco
Roma 28-6-1968
giuliarocco@virgilio.it
 
Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società
Via Columbia – 00133  Roma - Italia
e-mail:
giulia.rocco@uniroma2.it
Percorso scientifico. Principali linee di ricerca e riferimenti alle relative pubblicazioni
L’attività scientifica e di ricerca della sottoscritta si sviluppa su vari filoni. Si interessa in primo luogo al contributo del mondo greco alla formazione della tradizione figurativa dell’Italia antica. In tale ambito sono state sviluppate ricerche sui rapporti tra la Grecia e l’area adriatica tra l’VIII e il VI secolo a.C., studi che sono confluiti in una monografia e svariati articoli.
Un secondo ambito di ricerca è quello relativo ai rapporti tra il mondo greco e le altre culture mediterranee, in particolare dell’area vicino-orientale e più in generale sull’arte di età orientalizzante.
Si occupa poi dello studio della ceramica greca sia sotto l’aspetto iconografico e stilistico. Si è interessata in particolare alla ceramica protoattica e attica a figure rosse, su cui ha pubblicato due monografie. Lo studio della ceramica attica è stato oggetto di ricerche in rapporto ai differenti contesti, anche anellenici, in cui essa circola, in particolare nelle aree di cultura fenicio-punica e in Adriatico e l’invito a prender parte alle missioni archeologiche a Mozia e Spina premetterà di approfondire ulteriormente queste tematiche.
Ha pubblicato uno studio monografico e articoli sulla statua bronzea con ritratto di Germanico da Amelia e su materiali scultorei di epoca romana.
Dal 2016 ha avuto l’incarico dalla soprintendenza archeologica dell’Umbria di coordinare, insieme alla dott.ssa Costamagna, lo studio ai fini della pubblicazione, dello scavo e dei materiali del teatro romano di Spoleto

 
 
FORMAZIONE E PERCORSO ACCADEMICO
 
1987: Diploma di maturità classica con votazione 60/60.

 

1990: Diploma del corso biennale per restauratore di affreschi e dipinti conseguito presso la Scuola di Restauro "Roma” (Dir. Maestro A. Colalucci) con la votazione di 28/30.
 
Laurea in Lettere Classiche (A.A 1990/91) conseguita presso l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" con una tesi in Archeologia e Storia dell'Arte greca e romana (cattedra di Archeologia e Storia dell’Arte greca e romana, Prof. A. Giuliano), votazione 110/110 e lode.
 
1995: conseguimento dell’attestato di qualifica professionale di “Esperto in gestione museale“, rilasciato dalla Regione Lazio.
 
A.A. 1995-1996: conseguimento del titolo di Dottore di ricerca in Archeologia, con la discussione di una tesi dal titolo  “Gruppi di avori ed ossi dal Piceno” (Tutore Prof. F. Canciani).
 
1995: presa di servizio come funzionario tecnico presso la Cattedra di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata.
 
1996: Nomina a cultore della materia presso la Cattedra di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana.
 
Marzo 2001: presa di servizio come ricercatore presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Roma "Tor Vergata"(L-ANT/07 Archeologia Classica).
 
Ottobre 2002: nomina a membro del corpo docente del Dottorato in “Antichità Classiche”  presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.
 
2011: giudizio positivo, per l’insieme delle attività svolte ed il profilo scientifico, nell’ambito della prova concorsuale per un posto di professore associato tenutasi presso l’Università degli Studi di Lecce.
 
2011: giudizio positivo, per l’insieme delle attività svolte ed il profilo scientifico, nell’ambito della prova concorsuale per un posto di professore associato tenutasi presso l’Università degli Studi di Cassino.
 
2012: giudizio positivo, per l’insieme delle attività svolte ed il profilo scientifico, nell’ambito della prova concorsuale per un posto di professore associato tenutasi presso l’Università degli Studi di Roma Tre.
 
Febbraio 2014: Conseguimento Abilitazione nazionale come professore associato (Settore disciplinare L-ANT07 Archeologia Classica).
 
PERIODI DI CONGEDO
 
Dal 26-12-2004 al  26-5-2005 congedo per maternità.
 
LINGUE STRANIERE.
Inglese; tedesco (attestato Zentrale Mittelstufeprüfung conseguito presso il Goethe Institut Rom - attestato Oberstufe I conseguito presso l'Università di Regensburg); francese; greco moderno di base.
 
CAMPAGNE DI SCAVO SVOLTE DURANTE IL CORSO DI LAUREA.
 
Luglio e agosto 1989: partecipazione alla campagna di scavo nel sito di Koukounaries (Paros) diretta dal Prof. D. Schilardi e dal Servizio Archeologico Greco.
 
Luglio e agosto 1990: partecipazione come responsabile di settore alla campagna di scavo nel sito di Koukounaries (Paros) diretta dal Prof. D. Schilardi e dal Servizio Archeologico Greco.
 
Settembre 1991: partecipazione alla campagna di scavo a Pyrgi, diretta dal Prof. G. Colonna (cattedra di Etruscologia e Archeologia Italica, Università di Roma "La Sapienza" ).
 
Novembre-dicembre 1991: partecipazione alla campagna di scavo alle pendici nord-occidentali del Palatino, diretta dalla Prof.ssa A. Ricci (Cattedra di Metodologia e Scavo Archeologico dell'Università di Roma "Tor Vergata").
 
INCARICHI DI STUDIO E RICERCA ALL’ESTERO O PRESSO ISTITUTI STRANIERI.
 
1992: borsa di studio per un soggiorno di due mesi in Germania concessa dal Ministero degli Esteri e dal Deutscher Akademischer Austauschdienst.
 
1995: borsa di ricerca concessa dell’Università di Tor Vergata per un soggiorno di studio in Grecia, presso la Scuola Archeologica Italiana di Atene.
 
anni 2001 - 2002: borsa di ricerca concessa dall'Alexander von Humboldt Stiftung presso l'Institut fùr klassische Archäologie dell'Università di Regensburg e il DAI Athen.
 
Ottobre 2003: Soggiorno di ricerca presso l’Istituto Svizzero di Atene.
 
Luglio 2011: soggiorno di ricerca presso il Beazley Archive, Oxford.
 
31 ottobre 2017- 31 ottobre 2018 borsa di studio per un periodo di ricerca di due mesi presso la sede centrale del Deutsches Archäologisches Institut Berlin (Förderung  für Gastwissenschaftlerinnen und Gastwissenschaftler an der Zentrale und den Abteilungen) e prosecuzione della ricerca presso il DAI Rom.

 
 
PARTECIPAZIONE SCIENTIFICA A PROGETTI DI RICERCA INTERNAZIONALI E NAZIONALI E FINANZIAMENTI PER PROGETTI DI RICERCA
 
Organizzazione e direzione come responsabile al progetto di ricerca archeologica alle pendici nord-occidentali del Palatino (Velabro), organizzata dalla Cattedra di Archeologia e Storia dell’Arte greca e romana negli anni 1996, 1997, 1998, 1999, 2000 e 2001, con finanziamenti del Ministero dell’Università e di Ateneo.
 
Dal 2002 ad oggi membro dello staff della missione archeologica a Mozia, diretta dal Prof. L. Nigro, ammessa al finanziamento PRIN, svolta in collaborazione con la Cattedra di Archeologia Fenicio-Punica dell' Università degli Studi di Roma "La Sapienza", la Soprintendenza ai Beni Archeologici di Trapani e la Fondazione Withaker, con partecipazione alle campagne di scavo, alle attività del laboratorio ceramico e alla pubblicazione di materiali.
 
2001-2009 Concessione finanziamenti di ricerca scientifica di Ateneo per i seguenti progetti di studio e conseguente pubblicazione degli stessi:
1)      Iconografie di creature fantastiche e scene narrative nell’Orientalizzante.
2)      La statua di Germanico da Amelia.
3)      Le ceramiche attiche a figure rosse della Collezione Astarita.
4)      La decorazione scultorea del teatro di Spoleto.
 
2003 Assegnazione di finanziamenti nell’ambito del “Progetto Giovani ricercatori “ (DM 21 giugno 1999), Bando 2001 per il Dipartimento di Antichità e Tradizione Classica, presentato in qualità di responsabile scientifico, per lo studio dei materiali dello scavo del Velabro.
 
2010-2012 Partecipazione scientifica come membro dell’unità locale del Dipartimento di Antichità Classica dell’Università di Roma Tor Vergata al progetto PRIN 2009, dal titolo “Riscrivere il passato: raccolte di antichità nei palazzi romani”, area scientifico disciplinare di Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Coordinatore scientifico Prof. E. La Rocca, Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche e dell’Antichità dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Responsabile dell’unità di ricerca Prof.ssa Elena Ghisellini, Dipartimento di Antichità e Tradizione Classica dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
 
Nel 2007, 2008, 2010 membro scientifico della missione archeologica nel sito di Spina (Comacchio) diretta dal Prof. Ch. Reusser, Institut für klassische Archäologie dell’Università di Zurigo, finanziata dall’Università di Zurigo.
 
2014-2015: Direzione, con  M. Bonanno e M. Pisani del progetto di convenzione e dal 2016 di concessione di scavo tra il Dipartimento di Scienze Storiche, Filosofico Sociali, dei Beni culturale e del territorio e la Soprintendenza Archeologica di Roma per il progetto di scavo e valorizzazione dei complessi monumentali del piano di Zona Tor Vergata 2, lungo il tracciato della Tuscolo-Fidene e scavo didattico del complesso monumentale delle “terme degli stucchi dipinti”, con in coinvolgimento dell’Istituto Superiore Centrale per la Conservazione ed il Restauro.
 
2015: Principal Investigator. del finanziamento “Uncovering excellence 2015” con il progetto interdisciplinare “Thermae18” (con M.Pisani e A.Travaglini, Dipartimento di Beni Cultutali, Formazione e Società e Dipartimento di Biologia dell’Università di Tor Vergata).
 
2017-2018 invito con borsa di studio presso il Deutsches Archaeologisches Institut di Berlino per un soggiorno di ricerca dal 28.10, 2017 al 28.12.2017 e proseguimento della ricerca presso il Deutsches Archaeologisches Institut Rom fino al 31. 10.2018. (congedo per motivi di ricerca)
 
 
 
CONSEGUIMENTO DI PREMI E RICONOSCIMENTI PER L’ATTIVITÀ SCIENTIFICA
 
2008: riconoscimento del lavoro di ricerca “La ceramografia protoattica. Pittori e botteghe (710-630 a.C.)” come meritevole per la stampa e concessione del relativo contributo editoriale da parte dell’Alexander von Humboldt Stiftung.
 
 
ATTIVITÀ SCIENTIFICHE, DI RICERCA E PARTECIPAZIONE A MISSIONI ARCHEOLOGICHE IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTI DI RICERCA ED UNIVERSITÀ ITALIANE E STRANIERE, SOPRINTENDENZE, SEDI EDITORIALI.
 
Aprile-maggio 1993: campagna di prospezioni archeologiche e ricognizioni a Norba, dirette dalla Prof.ssa Stefania Quilici Gigli e dal CNR.
 
1994: Collaborazione al progetto di ricerca sulla via Salaria promosso dalla Cattedra di Topografia dell’Università di Bologna, per conto del Prof. Lorenzo Quilici.
 
1994: Collaborazione al progetto di mappatura dei siti archeologici tra le vie Casilina e Prenestina, promosso dalla Soprintendenza Archeologica di Roma.
 
1995: esecuzione di schede RA per conto della Soprintendenza Archeologica delle Marche, presso il Museo di Ancona.
 
1997: collaborazione con la soprintendenza Archeologica del Lazio e la S.R.L. Nova Tabularium per l’allestimento dell’Antiquarium comunale di Latina.
 
Agosto 2000: partecipazione al seminario e allo scavo archeologico a Kerkouane (Tunisia) organizzato dall’Institut National du Patrimoine sotto la direzione del Prof. M.H. Fantar.
 
Novembre 2000: Schede RA di materiali archeologici per il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.
 
Aprile 2001: partecipazione alla campagna di rilievo a Kirbet el Fattir (Israele) sotto la direzione del Prof. A. Strus (Università Salesiana di Roma) e del Servizio alle antichità di Israele.
 
Maggio 2003: Collaborazione con l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana per la revisione e l'aggiornamento delle voci e dei lemmi del volume "Popoli dell'Italia preromana" per l'Enciclopedia Archeologica e redazione di lemmi.
 
2007: coordinamento del settore archeologico della convenzione stipulata tra L’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ed il Comune di Marino per la valorizzazione dei beni archeologici  ed artistici del suo territorio.
 
2007-2008, 2010: collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria e con il Museo Archeologico di Spoleto per l’allestimento della sezione sui materiali dal teatro romano.
 
2010 collaborazione all’organizzazione della mostra “Il fascino dell’Oriente nelle collezioni e nei musei d’Italia” Frascati Scuderie Aldobrandini 12 dicembre 2010-27 febbraio 2011, curata da B. Palma (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”).
 
Settembre 2009: partecipazione al gruppo di ricerca per lo studio dei materiali della necropoli di Eleonas (Beozia), nell’ambito del progetto di pubblicazione promosso dall’Eforia delle Antichità della Beozia, coordinato dal Prof. V. Aravantinos sotto la direzione della Prof.ssa Margherita Bonanno (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”).
 
Dal 2013 collaborazione con i Musei Capitolini di Roma per la redazione del catalogo delle sculture della collezioni dei Musei Capitolini e di Palazzo dei Conservatori.
 
2014-2016: Coordinatrice con la Prof.ssa. M. Bonanno e la Dott.ssa M. Pisani del progetto di convenzione tra il Dipartimento di Scienze Storiche, Filosofico Sociali, dei Beni culturale e del territorio e la Soprintendenza Archeologica di Roma per il progetto interdisciplinare di scavo e valorizzazione dei complessi monumentali del piano di Zona Tor Vergata 2, lungo il tracciato della Tuscolo-Fidene e scavo didattico del complesso monumentale delle “Terme degli stucchi dipinti”.
 
2015: Collaborazione con i Musei Vaticani  per la revisione espositiva dei materiali della collezione Giacinto Guglielmi nel Museo Gregoriano Etrusco.
 
Dal 2016 ha avuto l’incarico dalla Soprintendenza Archeologica dell’Umbria di coordinare, insieme alla dott.ssa L. Costamagna, lo studio ai fini della pubblicazione, dello scavo e dei materiali del teatro romano di Spoleto.
 
2017-2018 Collaborazione al catalogo della mostra “Exekias”, in preparazione a cura dell’Istitut für klassiche archäologie Universität Zürich
 
 
PARTECIPAZIONE COME RELATORE A CONVEGNI NAZIONALI E INTERNAZIONALI:
 
“Materiali greci in area medio-adriatica: apporti dall’area greco-orientale e dal Peloponneso tra VII e VI secolo a.C.", in “Dal Mediterraneo all'Adriatico nell'età dei Kouroi", Convegno Internazionale, Osimo-Urbino, 30 giugno- 2 luglio 2001.
 
"Alcune osservazioni sulla presenza di hydriai di tradizione laconica nelle tombe del Piceno": "Die Hydria von Grächwil ", Internationales Kolloquium Bern, 12-13 Oktober 2001.
 
“La statua di Germanico da Amelia”,  Convegno Uomini, terre e materiali: aspetti dell’antica Ameria tra paleontologia e tardoantico, Amelia 26 novembre 2005.
 
“Da principe ellenistico a principe romano. Le fasi di trasformazione del Germanico di Amelia” Conferenza Amelia, 21 novembre 2008.
 
“Vom hellenistischen Fürsten zum römischen Prinzen. Stationen der Verwandlung einer überlebensgrossen  Bronzestatue aus Amelia (Umbrien)”, Konferenz Basel 2-12-2008, Zürich 3-12 2008.
 
“Il repertorio figurato delle stele della Daunia. Osservazioni sui rapporti tra l’area adriatica e la Grecia nel VII secolo a.C.” Meetings between Cultures in the Ancient Mediterranean, XVII Convegno Internazionale di Archeologia Classica, Roma 22-26 settembre 2008.
 
Attestazioni di culti e rinvenimenti di antichità orientali tra le vie Appia e Latina nel territorio di  Bovillae a Castrimoenium”, in Il collezionismo di antichità classiche e orientali nella formazione dei musei europei, Workshop Internazionale, Frascati 13-14 dicembre 2010.
 
Culti di divinità orientali in ambito domestico a Roma e nel suburbio tra le vie Appia e Latina ed i Colli Albani, XXXI Corso di Archeologia del Museo Archeologico di Albano, Albano Laziale 12 Aprile 2012.
 
The Roman Theatre of Spoletium: An Attempt at Reconstructing the Frons Scaenae  (con Liliana Costamagna –  Soprintendenza Archeologica dell’Umbria e Massimo Brizzi - Indipendent Scholar).
XVIII International Congress of Classical Archaeology, Merida 13-18 maggio 2014.
 
Shapes, rituals and images: preliminary considerations on the contexts of Attic painted pottery in the seventh century B.C. - The example of the high-standed bowls, International Congress of The Europaean Association of Archeologists (Session “Pottery as Experiment”), Istanbul 11/9 -14/9 -2014.
 
“Un bassorilievo da Amelia”, Giornate di studio organizzate dalla Soprintendenza Archeologica dell’Umbria  in occasione del bimillenario di Augusto, Perugia, Museo Archeologico Nazionale, 18 Novembre 2015.
 
“L’iconografia di Elettra nella ceramica greca di V-IV secolo a.C.”- Conferenze del laboratorio interdisciplinare di studi sul teatro antico - contemporaneo - La centralità del femminile e Il 52° ciclo di rappresentazioni classiche al teatro greco di Siracusa, Università di Tor Vergata, 2 maggio 2016.
 
Giornata di presentazione del progetto interdisciplinare area archeologica “Terme degli Stucchi dipinti” con M. Bonanno e M. Pisani . 16 giugno 2016 (con la partecipazione dei Partners scientifici dell’Università di Tor Vergara, Dipartimento di Biologia, Servizio Prevenzione e Protezione, Medicina del Lavoro e la Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano, e l’Area archeologica di Roma, l’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro).
 
“Il mondo delle essenze vegetali tra Oriente e Occidente: valori simbolici e rivisitazioni in chiave “ornamentale” in  The Orientalizing Cultures in the Mediterranean, 8th-6th cent. B.C. Origins, Cultural Contacts and Local Developments: the Case of Italy, International Conference, Roma 19-21 gennaio 2017
La villa delle terme degli Stucchi Dipinti nel suburbio di Roma”,  in Convegno AISCOM, Narni, 15-17 marzo 2017 (con M. Bonanno, A. Ghelli, M. Pisani, F. Felici).
“Teatri e potere politico” l’esempio del teatro romano di Spoleto” Conferenza Spoleto, Museo Archeologico, 26 febbraio 2018.
A proposito della tecnica esecutiva di due pavimenti in conglomerato cementizio da Tor Vergata” in Convegno AISCOM, Este, 14-16 marzo 2018. (con Valeria Massa, Daniela Gennari, Maria Concetta Laurenti, Lucia Conti). 
“Relations among workshops and craftsmen in protoattic vase-painting: limits and perspectives in quantifying the production”,  Convegno Internazionale di Archeologia Classica, Colonia,  20-26 Maggio 2018.
Dal 2014 coordina, insieme a M. Bonanno ed M. Pisani lo scavo e le attività di ricerca previste nell’ambito della convenzione siglata con la soprintendenza Archeologica di Roma per lo scavo del complesso monumentale delle “Terme degli stucchi dipinti” nel territorio di Tor Vergata e lo studio, ai fini della pubblicazione, dello scavo.
 
 
ATTIVITÀ DIDATTICA E DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA SVOLTA PER L’UNIVERSITÀ DI ROMA “TOR VERGATA” PER I CORSI DI LAUREA IN LETTERE, BENI CULTURALI, BECOT/SCITUR, PROGEST E PER LA SCUOLA IAD.
 
1995-1996: corso sulla ceramica greca con visite ai Musei di Villa Giulia e ai Musei Vaticani per la Cattedra di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana.
 
A.A. 1996-1997/1997-1998/1999-2000/2000-2001: corsi sull'arte arte romana di età repubblicana per la Cattedra di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana.
1999/2000 e 2000/2001: corsi per la Cattedra di Archeologia fenicio-punica sui seguenti temi: "bronzi greci e orientali nei santuari greci di età orientalizzante"; "analisi dei motivi iconografici sugli avori greci ed etruschi di età orientalizzante e arcaica".
1996, 1997, 1998, 1999, 2000, 2001, 2003: organizzazione e attività didattica sul campo nello scavo alle pendici nord-occidentali del Palatino, con svolgimento di seminari e attività di laboratorio sulle ceramiche romane e sui reperti dallo scavo.
 
2002/2003:
 
corso di 18 ore per Archeologia e Storia dell'arte greca e romana (corso di Laurea in Lettere): “temi narrativi e mitologici nella ceramografia greca”.
Ciclo di visite al Museo di Villa Giulia per la Cattedra di Archeologia e Storia dell'arte greca e romana, Corso di Laurea in Becot.
corso di 10 ore per Archeologia e Storia dell'arte greca e romana, corso di laurea in Beni Culturali: “la ceramica della Beozia dall'età geometrica al V secolo a.C.”.
corso di 18 ore per Archeologia fenicio-punica sul tema: "rapporti tra Oriente ed Occidente: la circolazione degli orientalia in Grecia tra IX e VII secolo a.C.".
Novembre-maggio 2003 Attività di schedatura e seminari sulla ceramica romana presso il laboratorio di Archeologia della Facoltà di Lettere finalizzati alla pubblicazione dei materiali dello scavo del Velabro.
 
2003/2004:
 
corso di 18 ore per Archeologia della Magna Grecia: “Aspetti dell'ellenizzazione dei Messapi, dei Peucezii e dei Dauni”.
corso di 18 ore per Storia dell'Archeologia e Archeologia e Storia dell'arte greca e romana (corso di laurea in Lettere): forme vascolari e tecniche della ceramografia greca con ciclo di visite al Museo di Villa Giulia ad al Museo Gregoriano Etrusco.
 
corso di 10 ore per Archeologia fenicio-punica sul tema: “rapporti tra Oriente e Occidente: le dediche votive nei santuari greci in età Orientalizzante".
corsi  di 10 ore per Storia dell'Archeologia e di Archeologia e Storia dell'arte greca (corso di laurea in Becot e Beni culturali): “linee di sviluppo della ceramografia greca dal Protogeometrico alla fine del V secolo a.C.”.
 
2004/2005:
 
Affidamento modulo B (36 ore) di Archeologia della Magna Grecia: “importazioni e produzioni locali di ceramica in Magna Grecia e Sicilia tra l'VIII e l'inizio del VI secolo a.C.”. (6 crediti).
corso di 10 ore  per Archeologia fenicio-punica sul tema: “rapporti tra Oriente e Occidente. L'Orientalizzante".
corso di 18 ore per Storia dell'Archeologia e Archeologia e Storia dell'arte greca (corso di laurea in Becot e Beni culturali ): “linee di sviluppo della ceramografia greca dal Protogeometrico alla fine del V secolo a.C.”.
 
2005/2006:
 
corso di 18 ore per Archeologia della Magna Grecia: “Aspetti dell'ellenizzazione dei Messapi, dei Peucezii e dei Dauni”.
corso di 10 ore per Archeologia fenicio-punica sul tema: “rapporti tra Oriente e Occidente. L'Orientalizzante”.
corso di 18 ore per Storia dell'Archeologia e Archeologia e Storia dell'arte greca (corso di laurea in Becot e Beni culturali): “linee di sviluppo della ceramografia greca dal Protogeometrico alla fine del V secolo a.C.”.
Ciclo di visite alle sezioni di ceramica greca dei Musei Vaticani e del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia per il corso di Storia dell’Archeologia; seminario su “i Castellani e l’antico”.
 
Anno accademico 2006/2007:
 
Affidamento modulo C di Archeologia Greca per il Corso di Laurea in Becot (36 ore): “Linee di sviluppo dell’arte greca, dal Protogeometrico all’Ellenismo”. (6 crediti).
Affidamento modulo A corso LS Archeologia Fenicio Punica (36 ore): “I Greci e le culture anelleniche del Mediterraneo.” (6 crediti).
corso di 10 ore per Archeologia fenicio-punica sul tema: “Rapporti tra Oriente e Occidente. L’Orientalizzante”.
 
Anno accademico 2007/2008:
 
Affidamento modulo C di Archeologia Greca per il Corso di Laurea in Becot: “Linee di sviluppo dell’arte greca dal Protogeometrico all’Ellenismo”. (6 crediti).
Affidamento Modulo A  LS Archeologia Fenicio Punica: “I Greci e le culture anelleniche del Mediterraneo.” (6 crediti).
corso di 10 ore per Archeologia fenicio-punica sul tema: “Rapporti tra Oriente e Occidente. L’Orientalizzante”.
corso di 10 ore per Archeologia della Magna Grecia: “Le esportazioni di ceramica attica in Sicilia e la nascita delle botteghe locali.”
 
Anno accademico 2008/2009:
 
Affidamento Modulo C di Archeologia Greca per il Corso di Laurea in Becot: “Linee di sviluppo dell’arte greca, dal Protogeometrico all’Ellenismo”. (6 crediti).
Seminario di 10 ore per Archeologia della Magna Grecia: “Francavilla Marittima”.
Affidamento Modulo A  LS Archeologia Fenicio Punica: “I Greci e le culture anelleniche del Mediterraneo.” (6 crediti).
 
Anno accademico 2009/2010:
 
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di Laurea in Becot/Scitur: “Linee di sviluppo dell’arte greca, dal Protogeometrico all’Ellenismo”. (6 crediti).
Affidamento Modulo B  LS Archeologia Fenicio Punica: “I Greci e le culture anelleniche del Mediterraneo.” (6 crediti).
 
Anno accademico 2010/2011:
 
Affidamento Modulo A e B di Archeologia greca e romana per il Corso di Laurea in Becot/Scitur: “Linee di sviluppo dell’arte greca e romana”. (12 crediti).
corso di 10 ore per Archeologia della Magna Grecia: “Le esportazioni di ceramica attica in Sicilia e la nascita delle botteghe locali.”
 
 
Anno accademico 2011/2012:
 
Affidamento Modulo A e B di Archeologia greca e romana per il Corso di Laurea in Becot/Scitur: “Linee di sviluppo dell’arte greca e romana”. (12 crediti).
Affidamento Modulo A di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali. (6 crediti).
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi) (6 crediti).
 
 
Anno accademico 2012/2013:
 
Affidamento modulo B di Archeologia romana per il Corso di Laurea in Becot/Scitur: “Linee di sviluppo dell’arte romana”. (6 crediti).
Affidamento Modulo B di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali. (6 crediti)
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi). (6 crediti)
Corso di 10 ore per Archeologia della Magna Grecia: “Aspetti dell'ellenizzazione dei Messapi, dei Peucezii e dei Dauni”.
Incarico come docente per l’insegnamento della Storia dell’arte antica per il corsi di Tirocinio per l’abilitazione all’insegnamento nelle scuole medie superiori.
 
Anno accademico 2013/2014:
 
Affidamento modulo A di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali e Lettere. (6 crediti).
Affidamento modulo A di Archeologia della Magna Grecia. (6 crediti)
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi). (6 crediti)
 
Laboratorio di scavo didattico del complesso monumentale delle terme degli stucchi dipinti (6 crediti).
Incarico come docente per l’insegnamento della Storia dell’arte antica (classe 061) per il corsi di Tirocinio (PAS) per insegnanti delle scuole medie superiori e membro della commissione per lo svolgimento delle prove intermedie.
 
 
Anno accademico 2014/2015:
 
Affidamento modulo B di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali e Lettere. (6 crediti).
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi). (6 crediti)
Laboratorio didattico sui materiali dello scavo del complesso monumentale delle terme degli stucchi dipinti (3 crediti febbraio-maggio 2015).
Laboratorio di scavo nel complesso delle “Terme degli stucchi dipinti” (3 crediti maggio-giugno 2015).
Collaborazione alla progettazione del Corsi di Formazione per la sicurezza in ambienti confinati promosso dal Servizio di Prevenzione e Protezione dell’Università di Roma Tor Vergata sotto la direzione del Dott. Marco Sciarra.
Incarico come docente per l’insegnamento della Storia dell’arte antica per il corsi di Tirocinio (TFA) per insegnanti delle scuole medie superiori per la classe di storia dell’arte (061) con il ruolo di membro della commissione per le prove di accesso e di presidente per l’esame finale.
 
Anno accademico 2015/2016:
 
Affidamento modulo A di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali e Lettere. (6 crediti).
Affidamento modulo A di Archeologia della Magna Grecia (6 crediti).
Affidamento modulo  di Lineamenti di Archeologia Greca e Romana (6 crediti).
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi) (6 crediti).
Partecipazione alle attività didattiche del laboratorio teatrale curato dalla Dott.ssa Cristina Pace.
Laboratorio didattico sui materiali dello scavo del complesso monumentale delle terme degli stucchi dipinti (3 crediti febbraio-maggio 2016).
Laboratorio di scavo nel complesso delle “Terme degli stucchi dipinti” (3 crediti maggio-giugno 2016)
Adesione al progetto del  Corso di Laurea in lingua inglese per studenti stranieri per l’insegnamento di Archeologia Greca.
 
Anno accademico 2016/2017:
 
Affidamento modulo B di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali (6 crediti).
Affidamento modulo  Lineamenti di Archeologia Greca e Romana (6 crediti).
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi) (6 crediti).
Laboratorio didattico sui materiali dello scavo del complesso monumentale delle terme degli stucchi dipinti (3 crediti febbraio-maggio 2016).
Laboratorio di scavo nel complesso delle “Terme degli stucchi dipinti” (3 crediti maggio-giugno 2016)
 
Anno accademico 2017/2018:
 
Affidamento modulo A di Archeologia greca per il Corso di Laurea in Beni Culturali. (6 crediti).
Affidamento modulo  Lineamenti di Archeologia Greca e Romana (6 crediti).
Affidamento Modulo A di Archeologia Greca per il Corso di LM in Progest (Archeologia Greca: percorsi) (6 crediti).
Laboratorio didattico sui materiali dello scavo del complesso monumentale delle terme degli stucchi dipinti (3 crediti febbraio-maggio 2016).
Laboratorio di scavo nel complesso delle “Terme degli stucchi dipinti” (3 crediti maggio-giugno 2016)
 
Settembre 2017 Lezione per il corso  RECOVERY AND TREATMENT OF MOSAIC AND MURAL PAINTING IN ARCHAEOLOGICAL CONTEXT, ISCR Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro per restauratori della Libia e dell’Algeria “Presentazione scavo archeologico-didattico “Villa romana cd. delle Terme degli stucchi  dipinti di Tor Vergata”.
 
Dall’AA 2009/10 ha avuto un affidamento dell’insegnamento di “Lineamenti di Archeologia Greca e Romana” presso la Scuola IAD - Università di Roma Tor Vergata.
 
Nell’ambito dell’attività di docenza partecipa dal 1995 a commissioni di esame e di laurea per gli insegnamenti di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana, Archeologia della Magna Grecia e Archeologia Fenicio-Punica ed è stata relatore e correlatore di tesi di laurea.
 
ed è stata tutor di tesi di dottorato: a partire dal 2002 fa parte del Collegio dei Docenti della Scuola di Dottorato in Archeologia di Tor Vergata.
Dall’AA. 2006/2007 al  2010 ha ricoperto il ruolo di responsabile Erasmus per gli studenti del corso di laurea in BECOT/SCITUR.
Dal 2006 ha svolto attività di tutorato per gli studenti dell’Università di Tor Vergata e per gli studenti erasmus.
 
 
 
 
 
 
PUBBLICAZIONI
  
 Monografie
 
1)"Avori e ossi dal Piceno" (Monografie di Xenia, 12), Roma 1999.
 
2)“La statua bronzea con ritratto di Germanico da Ameria (Umbria)” (Memorie dell’Accademia Nazionale dei Lincei, 23, 2), Roma 2008.
 
3) “La ceramografia protoattica. Pittori e botteghe” (Internationale Archäologie 111), Rahden/Leidorf 2008.
 
4)“Vasi Antichi dipinti del Vaticano. La Collezione Mario Astarita nel Museo Gregoriano Etrusco, Parte II, 2. Vasi attici bilingui, a figure rosse, a vernice nera” (con contributi di J. Gaunt, M. Iozzo, A. Paul), Città del Vaticano 2016.
 
5)  M. Bonanno, A. Ghelli, M. Pisani, G. Rocco, La Villa romana delle“Terme degli stucchi dipinti” tra scavo, ricerca e didattica”, Roma 2017.
 
 
Articoli in riviste
 
6) “Una phiale d’argento da Filottrano” in Xenia Antiqua, 4, 1995 (1996), pp. 9-22.
 
7)  “Una laminetta d’argento nei Musei Vaticani”, in Xenia Antiqua, 4, 1995 (1996), pp. 5-8.
 
8) “ Sigilli in avorio da Terni”, in Xenia Antiqua, 6, 1997 (1998), pp. 5-16.
 
9) “ Il sarcofago degli arieti da via Famagosta”, in Xenia Antiqua, 7, 1998 (1999), pp. 139-166.
 
10) "Un cammeo in calcedonio con il ritratto di Augusto dalle pendici nord-occidentali del Palatino", in Xenia Antiqua, 11, 2001 (2002), pp. 27-34.
 
11) "Il repertorio figurato delle stele della Daunia: iconografie e temi narrativi tra Grecia e Adriatico meridionale”, in Prospettiva, 105, 2002, pp. 2-28.
 
12) “Eteocle e Polinice ? L'hypokraterion Monaco, Staatliche Antikensammlung, 8936”, in Antike Kunst, 43, 2003, pp. 5-13.
 
13) "Scavo alle pendici nord-occidentali del Palatino: relazione preliminare” in BA, 44, 1998 (2004), pp. 71-77.
 
14) “Modelli orientali e rielaborazioni greche: originali iconografie di creature fantastiche nell’Orientalizzante”, in Studia Punica, 14, 2006, pp. 29-44.
 
15) “Una kylix di Onesimos nella Collezione Mario Astarita dei Musei Vaticani”, in “Bollettino dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie”, 26, 2007, pp. 43-62.
 
16) “La statua con il ritratto di Germanico da Ameria: un bronzo ellenistico tra Grecia e Roma”, in Bollettino d’Arte, 108, 2008, pp. 2-25.
 
17) “Una scultura greca dal teatro di Spoleto”, in Bollettino d’Arte, 115, 2010, pp. 1-26.
 
18) “Iconografie greche nel mondo indigeno della Daunia tra VII e VI secolo a.C.: le decorazioni figurate sulle vesti delle statue-stele”,  in Meetings between Cultures in the Ancient Mediterranean, Atti del XVII Convegno Internazionale di Archeologia Classica, Roma 22-26 settembre 2008, in Bollettino di Archeologia on line 2011, pp. 1-17. http://151.12.58.75/archeologia/index.php?option=com_content&view=article&id=33&Itemid=33 .
 
19) “Attestazioni di culti e rinvenimenti di antichità orientali tra le vie Appia e Latina nel territorio di  Bovillae a Castrimoenium”, in Il collezionismo di antichità classiche e orientali nella formazione dei musei europei, Frascati 13-14 dicembre 2010, in Horti Hesperidum. Studi di storia del collezionismo e della storiografia artistica, II, 1, Roma 2012, pp. 601-637.
 
20) “Un bassorilievo da Amelia di età augustea”, in Bollettino d’Arte, 16, 2012, pp. 1-22.
 
21) “Frammenti di rilievi storici da Roma, Palazzo Colonnelli”, in Bollettino di Archeologia on line, IV, 2013/1, pp. 41-51.
 
22) “Nuktopaidiaj: osservazioni sulle immagini di uccelli androcefali nell’Orientalizzante greco” in Rendiconti dell’Accademia Nazionale dei Lincei, 24, 2013 (2014), pp. 289-395.
 
23) “I due crateri del Gruppo Monaco 2388: un approfondimento”, in Bollettino dei  Musei e delle Gallerie Pontifice, 32, 2014 (2015), pp. 83-121.
 
 24) Scene di culto divino e di rituali sacri nel mondo greco tra il Geometrico e l’Orientalizzante,      in Horti Hesperidum, 5, I,1 2015, pp. 65-98.
 
25) “Un puteale con scene dionisiache dal teatro di Spoleto”, in Otium, 1, 2016, pp. 1-67.
 
26) “Un gruppo di vasi attici con il graffito “chechan” “chechana”chechanar”, in Bollettino,  Musei e  Gallerie Pontifice, 34, 2017, pp. 78-135.
 
27) “Forme vascolari e pratiche rituali in attica tra la fine dell’VIII e il VII secolo a.C: il caso dei krateriskoi su altopiede”, in Antike Kunst, 61, 2017, pp. 3-18.  
 
28) Il mondo delle essenze vegetali tra Oriente e Occidente: alcune osservazioni sul contributo dei motivi di ascendenza botanica nella tradizione figurativa greca tra IX e VII secolo a.C., in The Orientalizing Cultures in the Mediterranean, 8th-6th cent. B.C. Origins, Cultural Contacts and Local Developments: the Case of Italy, International Conference, Roma 19-21 gennaio 2017, in Mediterranea, 2018 (in c.d.s.)
 
29) Dionysos sulla pantera nella ceramica attica a figure rosse: un contributo dalla Collezione Mario Astarita nei Musei Vaticani, in Bollettino,  Musei e  Gallerie Pontifice, 35, 2018, in cds.
 
 30) Angelo Gismondi, Lorena Canuti, Giulia Rocco, Marcella Pisani, Alessandra Ghelli, Margherita Bonanno and Antonella Canini, GC-MS detection of plant pigments and metabolites in Roman Julio-Claudian frescoes, in Natural Product Research, in cds.
 
 
Capitoli e contributi in libri.
 
31) “I beni di lusso-avori”, in I Piceni popolo d’Europa, cat. mostra, Francoforte 1999, pp. 103-104.
 
32) “Materiali greci in area medio-adriatica: apporti dall’area greco-orientale e dal Peloponneso tra VII e VI secolo a.C.", in “Dal Mediterraneo all'Adriatico nell'età dei Kouroi", Atti del Convegno Osimo-Urbino, 30 giugno- 2 luglio 2001 (Urbino 2007), pp. 319-338.
 
33) "Alcune osservazioni sulla presenza di hydriai di tradizione laconica nelle tombe del Piceno", in "Die Hydria von Grächwil ", Internationales Kolloquium Bern, 12-13 Oktober 2001 (Akten des Archäologisches Seminär) Bern 2004, pp. 47-54.
 
34) "La ceramica greca: area C", in L. Nigro (Ed.), Quaderni di Mozia X. Zona C. Il kothon. Zona D. Le pendici occidentali dell’Acropoli. Zona F. La Porta Ovest, Roma 2004 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica I), pp. 87-88.
 
35)“La ceramica greca: area D”, in L. Nigro (Ed.), Quaderni di Mozia X. Zona C. Il kothon. Zona D. Le pendici occidentali dell’Acropoli. Zona F. La Porta Ovest, Roma 2004 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica I), pp. 220-223,  386.
 
36) “La statua di Germanico da Amelia”, in Uomini, terre e materiali: aspetti dell’antica Ameria tra paleontologia e tardoantico, Atti del Convegno Amelia 2005, Amelia 2006, pp. 63-74. 
 
37) “Le ceramiche attiche coloniali e dipinte e a vernice nera”, in L. Nigro (Ed.), Quaderni di Mozia XII. Zona D. La “Casa del sacello domestico”, il Basamento meridionale” e il sondaggio stratigrafico I, Roma 2007 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica I), pp. 56-57.
 
38) “La ceramica e vernice nera e le due kylikes a figure nere dal deposito D. 1056”, p. 76; “La ceramica protocorinzia e corinzia dalle US 1111 e US 1112a”, ibidem, p. 92. in L. Nigro (Ed.), Quaderni di Mozia XII. Zona D. La “Casa del sacello domestico”, il Basamento meridionale” e il sondaggio stratigrafico I, Roma 2007 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica I).
 
39) “Anelli con il lituus su statue bronzee romane”, in Scritti in ricordo di Roberto Pretagostini, Roma 2009, pp. 735-748.
 
40) “L’”Oriente” ed i soggetti esotici nelle lastre della collezione Campana”, in Il fascino dell’Oriente nelle collezioni e nei musei d’Italia, Cat. della Mostra Frascati, Scuderie Aldobrandini, dicembre 2010 - gennaio 2011, Roma 2010, pp. 91-96 (ISBN 978-88-7575-128-9).
 
41) “Le ceramiche attiche coloniali e dipinte e a vernice nera” in L. Nigro (Ed.),  Mozia XIII. Zona F. La porta occidentale e la Fortezza Occidentale (Quaderni di archeologia fenicio-punica VI) Roma 2011, pp. 108-111.
 
42) “I culti delle divinità orientali in ambito domestico a Roma: alcuni esempi dal suburbio sud-orientale e dall’area dei Colli Albani”, in S. Aglietti (ed.), Res Sacrae. Santuari e luoghi di culto nei Colli Albani. Atti del XXXI Corso di Archeologia e Storia Antica del Museo Civico Albano, Albano Laziale 2014, pp. 75-88.
 
43) “The Roman Theatre of Spoletium: An Attempt at Reconstructing the Frons Scaenae”  (con Liliana Costamagna –  Soprintendenza Archeologica dell’Umbria e Massimo Brizzi - Indipendent Scholar). XVIII International Congress of Classical Archaeology, Merida 13-18 maggio 2014, Merida 2015, pp. 843-846.
 
44) “Una hydria della maniera del Pittore di Meidias nella Collezione Astarita”, in A. Serra (ed.), Humanitas, Studi in onore di Patrizia Serafin, Roma 2015, pp.  205-222.
 
45) Il cratere “ovoide” in Attica, tra conservatorismo e innovazione, in “Fragmenta Mediterranea”, Scritti in Onore di Christoph Reusser, Zurigo 2017, pp. 69-90.
 
46) con Bonanno Pisani M. Felici F. Ghelli A., La villa delle "Terme degli Stucchi dipinti" nel suburbio di Roma, Atti del XXIII Convegno AISCOM (Associazione Italiana per lo studio e la conservazione del mosaico), Narni, 15-18 marzo 2017, Roma 2018, pp. 81-90. 
47) “I materiali scultorei dispersi di Palazzo Colonnelli, Roma”, in M. Bertinetti, D. Candilio, E. Ghisellini, L. Musso (eds.), Ornamenta Urbis. Le sculture del rione Campo Marzio a Roma  (in cds).
48) schede nn. 21 (Musa), 23 Ritratto maschile, 36 (Busto di Geta), 47 (Busto maschile), 61 (Ritratto di Caracalla o Geta), 69 (Artemide Colonna), in Catalogo delle Sculture dei Musei Capitolini,  Roma 2017 (in cds).
 
 
 
Collaborazione a volumi monografici, edizioni di scavi e cataloghi di mostre e musei:
 
49) “Catalogo delle sculture del Museo Nazionale Romano”, I, 12, 1, Roma 1995, a cura di A.Giuliano, nn. 8, 12, 18.
 
50) “I beni di lusso-avori”, in I Piceni popolo d’Europa, cat.mostra, Francoforte 1999, pp. 229-230, nn° 337-350; p. 232, n° 361.
 
51) "Le ceramiche greche e coloniali, dipinte e a vernice nera. Catalogo: aree D, C, F", in L. Nigro (Ed.), Quaderni di Mozia X. Zona C. IL kothon. Zona D. Le pendici occidentali dell’Acropoli. Zona F. La Porta Ovest, Roma 2004 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica I), pp. 122-125, 136-137, 318-330, 344-353, 398-399.
 
52) "Le ceramiche greche e coloniali, dipinte e a vernice nera, area C. “Catalogo”, in Quaderni di Mozia XI. Zona C. Il Tempio del Kothon, Roma 2005 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica II), pp. 234-236, 238-239, 248-251, 256-259, 262-269, 276-291, 296-299, 302, 308-309, 318-321, 328-330, 332-333, 336, 344-346, 348-351, 354-357, 362-363, 366-368, 378-380, 390-393, 396-397, 414-415, 419-421, 430-431, 436-437, 448, 450-453, 454-457, 460-461, 466-471, 476-477, 484, 485, 486, 492-493.
 
53) “La ceramica greca a figure nere, rosse e a vernice nera: area D. Catalogo”, in L. Nigro (Ed.), Quaderni di Mozia XII. Zona D. La “Casa del sacello domestico”, il Basamento meridionale” e il sondaggio stratigrafico I, Roma 2007 (Quaderni di Archeologia Fenicio-Punica III), pp. 176-180, 186,190-191, 192-193, 194-195, 196-204, 216-217, 220-221, 222-236, 240-256, 260-261, 276-279, 296-297.
 
54) “Il fascino dell’Oriente nelle collezioni e nei musei d’Italia”, Cat. della Mostra Frascati, Scuderie Aldobrandini, dicembre 2010 - gennaio 2011, Roma 2010, Schede nn. 1, 2, 3, 4, 5, 6,  pp. 137-140.
 
55) “Le ceramiche greche e coloniali, dipinte e a vernice nera. Catalogo”, in L. Nigro (Ed.),  Mozia XIII. Zona F. La porta occidentale e la Fortezza Occidentale (Quaderni di archeologia fenicio-punica VI) Roma 2011, 176-180, 190, 196-210, 216-227, 252-255, 258-259, 264-269, 290, 292, 296-303, 314-323, 328, 334-338, 342, 344, 350, 352, 354-359, 362-367, 384, 388.
 
56) I. 14 Busto di Caracalla o Geta, p. 336 e I, 62, Ritratto maschile su busto non pertinente, p. 373, in L’Età dell’Angoscia. Da Commodo a Diocleziano: 180-305 d.C., cat. della Mostra Roma, Musei Capitolini 28 gennaio -4 ottobre 2015, Roma 2015.
 
57) “Le ceramiche attiche coloniali e dipinte e a vernice nera”, in L. Nigro ( a cura di ), Mozia XIV (Quaderni di archeologia fenicio-punica VII) Roma, in cds. “Le ceramiche greche e coloniali, dipinte e a vernice nera. Catalogo”, in L. Nigro ( a cura di ), Mozia XIV (Quaderni di archeologia fenicio-punica VII) Roma, in cds.
 
58) Schede nn. 9, 23, 32, 139, 141, 162, 164, 211, in M. Bertinetti, D. Candilio, E. Ghisellini, L. Musso (eds.), Ornamenta Urbis. Le sculture del rione Campo Marzio a Roma e “Palazzo Colonnelli: introduzione alla storia della collezione e schede di catalogo” (in cds).
 
Voci di enciclopedie
 
59) Voce “Materiali di origine organica: avorio, osso, corno, cuoio”, in Enciclopedia Archeologica, Il mondo dell’archeologia II, Roma 2002, pp. 901-905.
 
60) Voce “legno”, in Enciclopedia Archeologica, Il mondo dell’archeologia II, Roma 2002, pp. 879-881.
 
61) Voce “Resine e fibre vegetali”, in Enciclopedia Archeologica, Il mondo dell’archeologia II, Roma 2002, pp. 881-882.
 
62) Voce “santuari e luoghi di culto in Grecia“, in Enciclopedia Archeologica, Il mondo dell’archeologia II, Roma 2002, pp. 371-379.
 
63) Voce “necropoli, riti e corredi funerari in Grecia”, in Enciclopedia Archeologica, Il mondo dell’archeologia II, Roma 2002, pp. 473-482.
 
64) Voce "Piceni" , in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, pp. 509-513.
 
65) Voce "Verucchio", in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, pp. 467-469.
 
66) Voce "Casal Marittimo", in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, pp. 444-445.
 
67) Voce "Numana", in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, pp. 515-516.
 
68) Voce "Lavinium", in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, pp. 495-496.
 
69) Voce "Serra di Vaglio", in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, pp. 549-550.
 
70) Voce "Siponto" in Enciclopedia Archeologica, L’Europa, Roma 2004, p. 546.
 
 

Telefono: 
348-7834903
Edificio: 
Edificio A
Piano: 
Quarto piano
Stanza: 
37